mercoledì, 8 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaTreni, venerdì attive tutte le...

Treni, venerdì attive tutte le linee. Ma col pericolo neve

Venerdì 10 febbraio tutte le linee ferroviarie toscane saranno attive, anche se - considerate l’allerta meteo e la possibilità di nevicate - ''sarà una giornata comunque delicata per i servizi e sarà quindi utile informarsi prima di mettersi in movimento'', avvertono le Fs.

-

Tutte le linee ferroviarie toscane saranno attive domani, venerdì 10 febbraio. Nell’elenco diffuso da Fs, in cui  sono indicate le linee che resteranno chiuse in Italia in ottemperanza a quanto indicato dal Comitato Operativo del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, non vi sono infatti linee toscane. Ma, visto l’allerta meteo per la nostra regione e la possibilità di nevicate (più consistenti per Amiata, l’alto Mugello, l’alta Val Tiberina, il Casentino, l’Amiata e le colline del grossetano), “sarà una giornata comunque delicata per i servizi e sarà quindi utile informarsi prima di mettersi in movimento”, avvertono le Fs.

SOPPRESSIONI. Oggi, intanto, in fascia pendolare sono circolati regolarmente il 95% dei treni programmati: di questi, il 91,08 è arrivato puntuale o comunque entro 5 minuti dall’orario di arrivo previsto. Le soppressioni sono state quelle previste dall’attuazione del ‘Piano neve’, ed hanno riguardato corse delle linee Siena-Chiusi, Siena-Empoli, Prato-Bologna, Lucca-Pontedera, Lucca-Pisa, Livorno-Pontedera e Pistoia-Firenze. Borgo San Lorenzo-Faenza ed Empoli-Firenze Porta al Prato. Complessivamente, sono stati otto i treni cancellati e quattro quelli che hanno subito una soppressione parziale (in gran parte sostituiti con autobus). 

RITARDI. Ci sono stati inoltre ritardi (sino a 44 minuti) su quattro treni delle linea Firenze-Pisa-Livorno– La Spezia, come effetto di rallentamenti nel tratto ligure. Inoltre su alcune linee, in particolare la Chiusi-Siena, la circolazione ferroviaria ha subito rallentamenti per la presenza di ghiaccio sui binari specie nelle prime corse del mattino. Oltre due ore di ritardo, infine, sul treno 6370 della linea Pistoia-Porretta per l’investimento di un cinghiale. Infine, sulla linea Firenze-Arezzo, dove ieri si erano registrati rallentamenti (la caduta di alcuni cumuli di ghiaccio all’interno della galleria di San Mario, nel Valdarno, aveva provocato il parziale distacco di un cavo telefonico), questa mattina  la situazione è migliorata con una puntualità dell’88%; una media  ancora lontana dallo standard degli ultimi mesi che, su questo tratto, si è sempre mantenuta intorno al 92%.

Ultime notizie