lunedì, 27 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUn giardino da ascoltare sotto...

Un giardino da ascoltare sotto la Loggia del Grano

Piante senza radici che calano dal soffitto, morbide sedute e “altalene sonore”. Nasce il giardino sonoro alla Loggia del Grano. Qui, comodamente sistemati in mezzo alle piante, si potrà ascoltare anche Riccardo Marasco.

-

E’ stato inaugurato oggi pomeriggio alla presenza del sindaco Matteo Renzi il nuovo spazio verde di via de’ Neri, con un progetto del tutto particolare.

“Il decoro di una città passa anche dal recupero di piccoli spazi come la Loggia del Grano – ha detto il sindaco Renzi -. Così come quello di piazza Beccaria, il giardino sonoro di via dei Neri è il tentativo di ridare bellezza a uno spazio che aveva un po’ perso lo smalto”.

Attraverso l’uso di piante, suoni e immagini il “Gruppocreativo” di Stefano Passerotti ha creato un ambiente suggestivo, dove pareti di Kenaf, a base di fibre naturali, proteggono e insonorizzano la Loggia, mentre la Tillandsia, una pianta che vive senza radici, assorbe le particelle di smog e le radiazioni elettromagnetiche. Questa pianta originaria del Centro America, che cala dalle luci appese al soffitto, assorbe anche l’umidità dell’aria.

Ad arredare il giardino sonoro, realizzato grazie a un finanziamento del Monte dei Paschi di Siena, ci sono anche delle sedute fatte con materiale da giardinaggio, e delle altalene sonore.

A protezione dell’ambiente, lungo il perimetro della Loggia ci sono piante verdi e diffusori sonori. Un video sulle foglie, proiettato in un angolo del giardino, e le luci proiettate sulle volte amplificano la volontà di creare un ambiente emozionale.

Per il periodo natalizio il giardino sonoro è aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 18.30.

Ultime notizie