venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUn numero verde per i...

Un numero verde per i dubbi sulla Tav

Un numero verde a cui rivolgersi per avere informazioni, chiarire i dubbi, conoscere lo stato di avanzamento dei cantieri dell'Alta velocità. Lo ha annunciato ieri l'assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao, rispondendo a una mozione che chiedeva spiegazioni in merito al silenzio in cui è piombata la questione del nodo fiorentino della Tav. "In arrivo un piano di comunicazione da 2 milioni di euro a spese di Rfi". Oggi l'incontro tra Renzi, Rossi e Moretti.

-

Un numero verde a cui rivolgersi per avere informazioni, chiarire i dubbi, conoscere lo stato di avanzamento dei cantieri dell’Alta velocità. Lo ha annunciato ieri l’assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao, rispondendo a una mozione che chiedeva spiegazioni in merito al silenzio in cui è piombata la questione del nodo fiorentino della Tav. “In arrivo un piano di comunicazione da 2 milioni di euro a spese di Rfi”.

TRIUMVIRATO. Oggi si riunisce il triumvirato Renzi-Rossi-Moretti. All’ordine del giorno della tanto attesa (diversi mesi) riunione del sindaco con il presidente della Regione e l’ad di Ferrovie, proprio il sottoattraversamento, la stazione Foster e le opere di compensazione (vedi alla voce stazioni minori, collegamenti tra gli ex Macelli e Smn). Difficile pensare che sia ancora possibile tornare indietro rispetto al passaggio sotterraneo, ancora da vedere, invece, cosa riusciranno a strappare sindaco e governatore a Ferrovie.

COMUNICAZIONE. Riguardo al piano di comunicazione, l’assessore Ceccobao ha assicurato che esiste già ed è stimato in 2 milioni di euro. A carico di Fs. “Ma quali garanzie ci sono che queste risorse arrivino? – incalza il consigliere regionale Marco Carraresi (Udc) – Ancora non è stato firmato neanche il protocollo d’intesa tra gli enti locali e Ferrovie. Come mai? Quando sarà concluso?”. Domande che non trovano risposta, per il momento. Attualmente per le informazioni al pubblico sulla Tav sono stati predisposti due sportelli al pubblico, presso l’Osservatorio Ambientale (alla Stazione di Smn) e all’Ufficio Nodo (via Mannelli). “Ma sono più conosciuti gli infopoint autogestiti dai cittadini – protesta Mauro Romanelli (Fds/Verdi) – di quelli promossi dalla giunta”.

Ultime notizie