sabato, 28 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Un tris di piazze si...

Un tris di piazze si rifà il look a Scandicci

Al via una nuova stagione di cantieri per riqualificare gli spazi pubblici in ogni quartiere. Attese grandi novità in Piazza Giovanni XXIII, piazza Cavour e piazza Vittorio Veneto. Ne parliamo con il vicesindaco Andrea Giorgi

-

Da Casellina a San Giusto, si apre una stagione di cantieri per mettere a nuovo tre luoghi di Scandicci. “Il nostro obiettivo è riqualificare in ogni quartiere uno spazio pubblico – spiega Andrea Giorgi, vicesindaco con delega ai lavori pubblici – anche a seguito dell’invecchiamento della popolazione, le persone si spostano meno e hanno necessità di spazi di qualità da vivere sotto casa”.

Durante l’estate, a Casellina prendono il via i lavori in largo Spontini: la prima parte di interventi prevede una rotonda, un parcheggio da 88 posti tra la scuola Calvino e via Boito, cassonetti interrati e una nuova illuminazione pubblica, per un investimento di 600mila euro.

Intanto si delinea il progetto di recupero di piazza Giovanni XXIII, il grande parcheggio vicino ai negozi di via San Bartolo in Tuto: qui, dopo l’incontro con i commercianti, sono state definite le linee guida. Arrivano alberi, un fontanello di Publiacqua e i cassonetti andranno sotto terra, ma non si perderanno i 62 posti auto. Nell’area di sosta l’asfalto sarà sostituito da pietre autobloccanti, in più verranno riorganizzati i marciapiedi e sarà riqualificata la postazione dell’ambulante di ortofrutta. Se tutto andrà come previsto i cantieri partiranno a primavera. 

Qualche mese più tardi sono attese le opere in piazza Cavour, a San Giusto. Sul piatto ci sono 650mila euro per ridisegnare questa parte del rione, con uno spazio pedonale che arriverà fino alla gelateria e ai negozi, senza diminuire i posteggi. In pratica sarà eliminata la strada che costeggia i caseggiati, recuperando i posti auto tutto intorno.

E per il futuro? “A Badia a Settimo, dopo il rifacimento di piazza Vittorio Veneto, stiamo lavorando per creare un parcheggio e una pista ciclabile – annuncia Giorgi – mentre più avanti interverremo anche in piazza San Martino e in piazza Vezzosi a San Vincenzo a Torri”.

E l’area ex Cnr fa crescere il parco

Un grande parco pubblico, che unito a quello dell’Acciaiolo diventerà il secondo per estensione nell’area metropolitana dopo le Cascine, e un nuovo pezzo di città lungo l’asse della tramvia con uffici, negozi, case, oltre a due hotel davanti al parcheggio di Villa Costanza. Muove un altro passo in avanti il piano di recupero dell’ex area Cnr con l’arrivo della convenzione in Consiglio Comunale per l’ok finale. I terreni sono di privati: secondo la convenzione su 87mila metri quadri sarà possibile creare nuovi edifici, mentre sette ettari di verde, al confine con l’Acciaiolo, diventeranno proprietà pubblica.
 

Ultime notizie

La Fiorentina sfida la capolista Milan: le probabili formazioni

Prandelli cerca la prima vittoria in campionato. Tornano Ribéry e Callejón: le probabili formazioni di Milan - Fiorentina

Decreto ristori quater: quando esce il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

In arrivo il quarto provvedimento con i ristori per le attività danneggiate dal Covid: il testo del decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel giro di pochi giorni

Quanti contagiati oggi in Italia: salgono i guariti, restano altissimi i decessi

I dati del 27 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

“Il guardiano dei coccodrilli” di Katrine Engberg, la recensione

Un libro dallo stile frizzante ed ironico che ci farà calare nelle atmosfere di Copenaghen sin dalle prime pagine e i cui personaggi, alla fine, ci mancheranno