sabato, 29 Gennaio 2022
HomeSezioniEventiA Montepulciano torna il Bruscello...

A Montepulciano torna il Bruscello e va in scena Orfeo e Euridice

Lo spettacolo, in tre atti, andrà in scena sul sagrato della Cattedrale in Piazza Grande, interpretato e cantato con arie popolari da attori non professionisti e da circa 100 comparse con un età dai 6 ai 70 anni

-

Si intitola Orfeo e Euridice la 73esima edizione del Bruscello di Montepulciano, celebre esempio di teatro popolare italiano organizzato dalla Compagnia Popolare del Bruscello, che, come ogni anno, rinnova la sua tradizione il 12, 13, 14 e 15 agosto a Montepulciano, in provincia di Siena.

 

LO SPETTACOLO. Lo spettacolo, in tre atti, andrà in scena sul sagrato della Cattedrale in Piazza Grande, interpretato e cantato con arie popolari da attori non professionisti e da circa 100 comparse con un età dai 6 ai 70 anni. Il mito di “Orfeo e Euridice”, è il primo bruscello di una nuova trilogia dal titolo “Il mito dell’amore” che vedrà poi nel 2013 “Tristano e Isotta” e nel 2014 “Romeo e Giulietta”.

MUSICHE E INTERPRETI. Le musiche sono del maestro Alessio Tiezzi, i testi di Raffaele Giannetti mentre la direzione artistica e la regia sono di Franco Romani. Questa rappresentazione ripercorre la storia di Orfeo (interpretato da Marco Banini), abilissimo suonatore di cetra che si innamora della ninfa Euridice (Irene Tofanini) e la sposa. Un giorno la donna, mentre era su un prato a raccogliere fiori, viene morsa da un serpente e muore. Orfeo dapprima si dispera e poi raggiunge gli inferi dove tenta di commuovere il Re dell’Ade, Plutone (Stefano Bernardini), perché gli renda la sua sposa. Riesce in questa impresa ma ad una sola condizione: che non si volti a vedere Euridice finché non saranno nel regno dei vivi, altrimenti la perderà. Orfeo promette, ma poi non resiste e guarda la sua sposa e in quel momento Plutone la richiama negli inferi persa per sempre. La rivisitazione della storia di Orfeo da parte del Bruscello passa attraverso un immaginario popolare che non si fa scrupolo di contaminare le storie più diverse e, soprattutto, di leggerle a suo modo.

Ultime notizie