sabato, 8 Maggio 2021
HomeSezioniEventiIl concertone di Capodanno al...

Il concertone di Capodanno al piazzale

Le altre piazze coinvolte saranno piazza della Signoria, piazza San Lorenzo e piazza del Carmine. E le novità non finiscono qui, perché quest'anno ''vogliamo coinvolgere anche la periferia con eventi all’Isolotto e a Gavinana''

-

Il Capodanno fiorentino si rinnova con un nuovo appuntamento al piazzale Michelangelo. Il “concertone” pop quest'anno avrà come palcoscenico il celebre piazzale, dove si potrà brindare all’arrivo dell’anno nuovo sotto le stelle di fronte al panorama mozzafiato della città.

le piazze

“Per la prima volta, quindi, coinvolgiamo il piazzale Michelangelo, da febbraio scorso pedonalizzato e che in questi mesi è al centro di un vasto programma di valorizzazione, non ultimo l’esperimento estivo di Flower”, sottolinea il sindaco Dario Nardella. Le altre piazze coinvolte saranno piazza della Signoria, piazza San Lorenzo e piazza del Carmine.

Isolotto e Gavinana

Ma le novità non finiscono qui, perché quest'anno “vogliamo coinvolgere anche la periferia con eventi all’Isolotto e a Gavinana, in piazza Bartali. Tutta la città deve partecipare a quella che sarà, ci auguriamo, una nottata di festa e divertimento per tutti”, ha aggiunto Nardella.

I progetti

L’amministrazione selezionerà tramite due distinti avvisi pubblici i progetti che saranno proposti secondo le linee di indirizzo approvate dalla giunta. Per l’evento al piazzale e per le iniziative con tema natalizio rivolte a bambini e famiglie in Santissima Annunziata tra dicembre e gennaio – spiegano da Palazzo Vecchio – è previsto un avviso che avrà ad oggetto progetti totalmente autofinanziati dai proponenti, i quali potranno beneficiare di alcune agevolazioni tra cui l’esenzione Cosap.

Il secondo avviso riguarderà gli eventi, di natura più strettamente culturale, previsti nelle altre cinque piazze coinvolte e sarà finalizzato a selezionare progetti organizzati da enti e associazioni non profit i quali potranno beneficiare, oltre che di agevolazioni quali l’esenzione Cosap, di un contributo comunale (le cui risorse saranno reperite dall’amministrazione tramite sponsorizzazioni) fino ad un massimo dell’80% del budget complessivo previsto per l’iniziativa. Tutti gli eventi del Capodanno – viene spiegato ancora – dovranno essere ad “accesso libero e gratuito”.

Ultime notizie