Il progetto prevede laboratori musicali, di scrittura e di scenografia e l’incontro di stasera vuole proprio fare un bilancio dei risultati sociali ed artistici raggiunti. Verrà anche presentata una mostra fotografica dal titolo “A scene chiuse” con le immagini di Maurizio Buscarino che raccontano le esperienza del teatro in carcere, mentre nel pomeriggio si terrà una tavola rotonda che mette a confronto le iniziative di Toscana, Lazio, Emilia, Lombardia e Puglia.

“Un vero e proprio ponte comunicativo – sottolinea Paolo Cocchi – tra culture e comunità diverse, tra liberi e non liberi, un importante spazio di comunicazione fra carcere e città“.