Fiorentina Genoa

Solo tanta paura, per 90 minuti, tra Fiorentina e Genoa che hanno offerto un pessimo spettacolo allo stadio Franchi. Tutti attaccati alle radioline per sentire il risultato di San Siro dove, alla fine, l’Inter ha battuto l’Empoli decidendo sia la corsa Champions che la lotta salvezza. Retrocessione evitata mentre si attendono, nelle prossime ore, gli sviluppi sulla cessione della società a Rocco Commisso, il patron dei Cosmos di New York che dovrebbe subentrare ai Della Valle dopo 17 anni. In tribuna d’onore era presente Joe Barone, braccio destro di Commisso e che ha assistito a tutta la gara. Al termine della gara, infatti, la Fiorentina ha comunicato che provvederà domani mattina (lunedì 27 maggio) a richiedere ai suoi consiglieri la convocazione urgente di un consiglio di amministrazione. Chiaro che al centro del consiglio, che verrà convocato nei prossimi giorni, ci sarà la cessione della società. Non sarà facile per il nuovo proprietario ricostruire un rapporto logoro tra giocatori (fischiati), guida tecnica e tifosi.

Daniele Russo, vice di Vincenzo Montella squalificato, non può avere Mirallas infortunato mentre recupera Pezzella che gioca con una maschera. In attacco Chiesa e Muriel. Nel Genoa Prandelli, applauditissimo, si affida a Pndev e Kouame in attacco.

Primo Tempo

Una partita da fine stagione tra due squadre malate e che per 90 minuti non hanno mai giocato aspettando solo i risultati, che arrivavano tramite le radioline, dallo stadio Meazza di Milano. Da segnalare al 27’ il tentativo di Chiesa che prova il tiro dalla lunga distanza con un tiro angolato che però viene parato da Radu. Al 34’ la risposta del Genoa con una punizione di Veloso che mette la palla in area, Lafont riesce a spazzare via d’istinto. Si va all’intervallo tra gli sbadigli.

Secondo Tempo

Pochissimo da segnalare anche nella ripresa. Quando la squadra di Andreazzoli riesce ad agguantare l’1-1 a San Siro nella sfida tra Inter ed Empoli al Franchi cala il gelo, il nuovo gol dei nerazzurri rende l’aria un po’ meno pesante. Ed i giocatori in campo anche nella ripresa non giocano. Unica azione, degna di nota, al 78’ Muriel scatta sulla fascia, mette al centro per Choesa che prova a sorprendere Radu che però para. Si chiude tra i fischi una stagione deludente che sarà ricordata per molti anni mentre si aspettano gli sviluppi per la cessione della società. La presenza di un inviato di Rocco Commisso al Franchi, Joe Barone, è molto indicativa così come l’annuncio che, a breve, sarà convocato un consiglio d’amministrazione. L’era Della Valle pare al termine.

L’allenatore

Nessuno in sala stampa, a fine gara, ai microfoni di Sky, Montella commenta: “E’ stata una partita carica di tensione al termine di un campionato stranissimo da parte nostra. Spesso abbiamo creato tantissimo e perso, quando ci sono queste stagioni e sei costretto a vincere, rischi di perdere le partite e finire nel peggiore dei modi la stagione. Finalmente è finita, non siamo contenti ma abbiamo onorato la Serie A e la città di Firenze, i ragazzi non si meritavano la B”. Sul futuro. “Non so cosa succederà, mi aspetto ancora questa proprietà, sono stati tutto il giorno con noi e non hanno fatto trapelare nulla ma solo cercato di concentrarsi sulla partita. C’era voglia di finire bene la stagione e ora bisogna riportare la Fiorentina nell’altra parte della classifica”.