giovedì, 11 Agosto 2022
HomeSezioniTendenzeCome funziona la valutazione dell'oro...

Come funziona la valutazione dell’oro usato e cosa si può portare

Dal vecchio bracciale agli orecchini fuori moda fino all'argenteria: come funziona la valutazione dei gioielli usati e cosa si può portare al compro oro

-

Pubblicità

Un tesoro nel cassetto: anelli che non si usano più, catenine nuove o rotte, bracciali fuori moda, ma anche argenteria lasciata a prendere la polvere nell’armadio. Con la quotazione dell’oro e dell’argento che ha toccato i massimi storici, ciò che abbiamo in soffitta può valere una fortuna. Per guadagnare un gruzzoletto e vendere i vecchi gioielli in modo sicuro è però necessario rivolgersi a professionisti del settore e sapere come funziona la valutazione dell’oro usato. A Firenze, il banco metalli “Lira” si occupa da oltre 10 anni della compravendita di preziosi usati ed è iscritto all’OAM, l’Organismo degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi, gli unici autorizzati a compiere questa attività.

Cosa si può portare e vendere al compro oro: dalle catenine agli orologi in oro, argento e platino

Ai compro oro, come quello di Lira a Firenze, è possibile portare tutti i gioielli usati in oro o argento, anche se danneggiati o inutilizzabili: l’oggetto infatti sarà fuso per ottenere nuova materia prima. Via libera quindi a spille d’oro, braccialetti, orecchini, medagliette e collane. Negli ultimi tempi pure la quotazione dell’argento è schizzata in alto, sebbene non ai livelli record dell’oro. Al banco metalli di Lira è possibile vendere i tanti oggetti in argento che non si utilizzano più, come ad esempio vassoi, zuccheriere, posate, cucchiaini, anelli, monili di ogni genere e forma. Vengono valutati inoltre orologi in oro, argento e platino.

Pubblicità

Per chi è alla ricerca invece di un investimento “sicuro”, in tempi incerti come questi, esiste l’opportunità di comprare lingotti d’oro, un bene rifugio che permette di salvaguardare il proprio potere d’acquisto.

Come funziona la valutazione dell’oro usato

Per capire come viene valutato il nostro oro usato innanzitutto bisogna tenere presente che gli esperti fissano la cifra in base alla quantità di metallo prezioso che è contenuta dal manufatto. Non viene presa in considerazione la fattura artistica dell’oggetto e dagli orologi sono esclusi tutti i componenti realizzati in altri materiali, come il meccanismo delle lancette. Inoltre la valutazione dipende dalla purezza dell’oro presente, ossia dai cosiddetti carati. Nessun gioiello è composto al 100% da oro, perché gli artigiani impiegano leghe per renderlo lavorabile e cambiarne il colore.

Pubblicità

Comunemente gioielli e orologi d’oro sono a 18 carati, ossia a 750 millesimi: il 75% è rappresentato da oro puro. Le monete d’oro da investimento sono a 22 carati (916 millesimi) o a 24 (999 millesimi). Altre carature normalmente presenti sul mercato sono 14 kt (585 millesimi) e 9 kt (375 millesimi). Facendo un esempio se abbiamo un anello a 18 carati che pesa 10 grammi, la quantità d’oro presente sarà di 7,5 grammi. Per un monile da 10 grammi a 9 carati la percentuale scende al 37,5%, ossia a 3,75 grammi.

Per la valutazione il compro oro utilizza una bilancia di precisione e si rifà alla quotazione sulla borsa di Londra, da cui va tolta una piccola commissione che rimane al banco metalli. Sopra i 500 euro il passaggio dei soldi dovrà essere sempre tracciabile, con assegno o bonifico.

Come vendere in modo sicuro

Pubblicità

Per dormire sogni d’oro e non avere grattacapi quando si vendono preziosi basta seguire delle semplici regole. Come detto solo le attività iscritte l’OAM posso comprare e valutare oro usato. A chi cede i preziosi vengono sempre richiesti due documenti, carta di identità e codice fiscale, necessari per compilare la scheda di provenienza della merce, obbligatoria per la legge anti-riciclaggio. Inoltre deve essere rilasciata regolare ricevuta. Qui trovate i consigli su come capire se un compro oro è affidabile e sicuro.

Per informazioni:
Compro oro Lira
via San Francesco di Paola 10/A, Firenze
Tel. 055 224112
mail [email protected]
sito web www.lirafirenze.it

Informazione pubblicitaria

Pubblicità

Ultime notizie