venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Dai luoghi del Mostro alla...

Dai luoghi del Mostro alla vita in convento: ”fotoprogetti” in mostra

Sarà inaugurata sabato 7 maggio, nell’ex Chiesa di San Carlo ai Barnabiti e in occasione della Notte Blu, ''Fotoprogetti 2011'', l’esposizione (a cura di Deaphoto Expo e in collaborazione con il Quartiere 1) delle opere dei partecipanti al Corso di Progettazione Fotografica organizzato da Deaphoto nella stagione 2010-2011. Per scoprire i lati nascosti della città e non solo.

-

Sarà inaugurata sabato 7 maggio alle 21.30, nell’ex Chiesa di San Carlo ai Barnabiti a Firenze, in occasione de La Notte Blu – Festival d’Europa 2011 – FOTOPROGETTI 2011. L’esposizione – a cura di Deaphoto Expo in collaborazione con il Quartiere 1 del Comune di Firenze – presenta in mostra le opere dei partecipanti al Corso di Progettazione Fotografica organizzato da Deaphoto nella stagione 2010-2011.

REALTA’ E IMMAGINI. L’esito espositivo finalizza quello didattico incentrato sullo sviluppo delle capacità progettuali degli studenti, attraverso un progressivo affinamento di elaborazione visiva e lettura critica della realtà e delle immagini, la riflessione teorica sul medium e la stimolante conoscenza delle tendenze e degli autori della fotografia contemporanea. I percorsi progettuali, partiti dalla definizione personale dei temi della ricerca, sono proseguiti con la realizzazione delle immagini, fino alla definizione delle procedure di installazione e valorizzazione espositiva e alla redazione dei testi di presentazione delle opere. I lavori presentati sono indicativi, così, di alcune delle tendenze principali della fotografia contemporanea.

PROGETTI. Sul versante della Fotografia di Analisi Ambientale e Territoriale Samuele Bellini (Tempus Fugit) ci conduce in un percorso reale e al tempo stesso metafisico di un anonimo paese abbandonato; Ludovica Valentina Zarrilli (Occhio Ragazzi), ci mostra a distanza di tre decenni (in una dialettica visivo-concettuale giocata fra oblio e memoria) i luoghi degli efferati delitti del Mostro di Firenze; mentre Stefano Ermanni (Capita di Notte) ci accompagna in una desolata e misteriosa passeggiata notturna per le strade vuote del suo Quartiere. Nel medesimo ambito di ricerca Alessia Lombardi (Ed è subito sera), sviluppa invece un percorso visivo intimo e personale nato dalla suggestioni di una poesia di Salvatore Quasimodo.

Antonio_De_Simone_-_UnderphoneTre progetti e tre fotografi si muovono nell’ambito del Reportage e del Racconto Fotografico: Eleonora Nesi (Letture Facoltative) con un lavoro dal taglio antropologico fotografa con attenzione e discrezione i lettori di alcune librerie e biblioteche fiorentine, Antonella Madonna (Le catene del corpo sono spesso ali per lo spirito) con un bianconero evocativo e simbolico ci offre la sua testimonianza per immagini sui luoghi di un ex carcere di sicurezza in Romania, mentre Lucia della Valle (Movimento Monastico) narra con delicatezza e candore i quieti momenti di vita monastica di un convento fiorentino. Molti anche quest’anno i contributi sul versante Fiction e Staged Photography, a partire dalla divertente sequenza fumettistica di Stefano di Prima (Zanzaresa), che ironizza sul peggiore incubo delle notti estive, al gioco autoironico di Leonardo Papi (L’Oracolo) che rivisita in maniera ludica e divertita (attraverso i propri autoritratti allestiti) il topos letterario del “doppio”, per finire alla rappresentazione esistenziale-identitaria, complice lo specchio e la fotografia, di Nicole Fusi (Chi sei?) sull’età della vita. Ancora in questo ambito del fotografico si collocano anche i progetti di Federica Greta Castagna (Glamorous Trash) con le sue “bad girls” ritratte in “new fashion style”, di Antonio De Simone (Underphohe), con fotografie pop style che ironizzano sagacemente lo stereotipo femminile, prendendo a prestito il linguaggio visivo e il messaggio dell’iconografia pubblicitaria, e di Mauro Cenci (Ri-tratti) con la sua riproposizione fotografica di celebri ritratti della storia dell’arte, fra citazione filologica e contaminazione postmodern.

Nell’ambito della Diary e Narrative Photography si possono infine collocare i progetti di Paolo Cambursano (Seguimi), inquietante ed enigmatico viaggio al “termine della notte”, e di Gabriella Cristanti (Grazie), che attraverso la sua sequenza fotografica di oggetti isolati di personale affezione, ci offre le tappe simboliche di un percorso esistenziale e di un commosso omaggio.

Leonardo_Papi_-_LOracoloFOTOPROGETTI 2011 Mostra del Corso di Progettazione Fotografica 2010-2011
Alessia Lombardi, Antonella Madonna, Antonio De Simone, Eleonora Nesi, Federica Greta Castagna, Gabriella Crisanti, Leonardo Papi, Lucia Della Valle, Ludovica Valentina Zarrilli, Mauro Cenci, Nicole Fusi, Paolo Cambursano, Samuele Bellini, Stefano Di Prima, Stefano Ermanni
7-8 Maggio 2011 Ex Chiesa di San Carlo dei Barnabiti Via S. Agostino – Firenze
Inaugurazione > Sabato 7 Maggio dalle ore 21,30 Apertura Mostra > Domenica 8 Maggio ore 11-20

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Tour della Toscana, alla scoperta delle bellezze di questa regione

Arte, storia, cultura, piccoli borghi, natura e buona cucina: i migliori tour della Toscana da Firenze al Chianti fino alla Val d'Orcia

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini