L’appuntamento, promosso dall’assessorato alla cultura, dalla società editrice Il Mulino, dal Journal of European Psychoanalysis e dall’Istituto di studi avanzati in psicanalisi, è per sabato 17 gennaio alle 16,30 al Palagio di Parte Guelfa con l’autore Sergio Benvenuto e Adalinda Gasparini, entrambi psicoanalisti, don Paolo Giannoni, teologo ed Elena Pulcini, filosofa, docente all’università di Firenze.

Il libro riflette sulla storia dell’accidia, intesa non tanto come semplice pigrizia, ma come la condizione psichica fatta di tristezza, sconforto, dolorosa indifferenza, depressione che nei secoli si è trasformata da peccato nella visione religiosa a malattia psichiatrica nella visione laica; ma non vuole semplicemente catalogare le varie nozioni che hanno dato il nome a questa sindrome affettiva, quanto piuttosto stabilire legami tra umore e affetti nella condizione umana.

Il libro è rivolto a un lettore non necessariamente specialista, spiegando infatti in modo chiaro movimenti e teorie filosofiche complesse, da quella di Schopenhauer, ad Heidegger e Sartre, ma offre anche una riflessione provocante sul nostro tempo.