mercoledì, 26 Febbraio 2020
Home Sezioni Arte & Cultura San Donnino, in sala il...

San Donnino, in sala il primo film con i sottotitoli in cinese

San Donnino, Chinatown. E' qui che sarà proiettato, domenica prossima, il primo film italiano con i sottotitoli in lingua cinese. La pellicola, ambientata nella fabbrica Piaggio di Pontedera, andrà in scena allo Spazio Reale.

-

San Donnino, Chinatown. E’ qui che sarà proiettato, domenica prossima, il primo film italiano con i sottotitoli in lingua cinese. La pellicola, ambientata nella fabbrica Piaggio di Pontedera, andrà in scena allo Spazio Reale.

CINESI PER META’. Il quartiere e il luogo scelti per la prima di “La marea silenziosa (Quelli della Vespa)”, diretto dal regista Tommaso Cavallini, non sono casuali. Circa il 50% degli abitanti di San Donnino, infatti, hanno gli occhi a mandorla. Ed è proprio allo Spazio Reale che don Giovanni Momigli, parroco “di frontiera”, opera da circa 20 anni per l’integrazione della comunità cinese con gli italiani.

INFO. La proiezione è in programma domenica 9 gennaio alle ore 17.30. Dopo la prima fiorentina il film è destinato a girare il mondo, con sottotitoli anche in arabo e hindi.

Notizia precedenteRari, primo brindisi 2011
Notizia successivaTracce di preistoria a Cetona

Ultime notizie

Coronavirus, a Firenze segnata la “truffa del tampone”

Vittime soprattutto gli anziani: i malintenzionati si presentano alla porta di casa spacciandosi come personale medico

La classifica dei carri vincitori del carnevale di Viareggio 2020

Sui primi grandini del podio due creazioni dedicate a temi green. Ecco l’elenco completo dei vincitori

Musei a Firenze, annullata la domenica gratis del 1° marzo

Lo ha comunicato con una nota ufficiale il Ministero per i Beni e le Attività culturali. Confermata invece la Domenica Metropolitana nei musei civici di Firenze (per i residenti)

Coronavirus in Toscana, cosa sappiamo al momento

I due soggetti positivi, il tampone solo per i casi sospetti, le misure per gli ospedali: cosa è stato deciso dalla Regione Toscana dopo l'ultima riunione con i sindaci del territorio