domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Un Mediterraneo "burrascoso": se ne...

Un Mediterraneo “burrascoso”: se ne parla a Palazzo Giovane

Prende il via oggi la serie di tre appuntamenti al Palazzo Giovane per discutere e analizzare le recenti e gravi vicende nei paesi dell'Africa settentrionale: sono le ''Giornate del Mediterraneo''.

-

Prende il via oggi la serie di tre appuntamenti a Palazzo Giovane (vicolo di Santa Maria Maggiore, 1) per discutere e analizzare le recenti e gravi vicende nei paesi dell’Africa settentrionale: sono le ”Giornate del Mediterraneo”, organizzate dall’assessorato alle Politiche Giovanili, il Centro Interuniversitario Machiavelli, il Forum per i Problemi della Pace e della Guerra e il Centro d’eccellenza Jean Monnet dell’Universita’ di Firenze.

“IL NUOVO EGITTO E I SUOI VICINI”. Il primo incontro è previsto per stasera alle 18.15, quando Maria Grazia Enardu e Maria Stella Rognoni interverranno su “Il nuovo Egitto e i suoi vicini: il caso del Sudan”.

“COSI’ VICINE, COSI’ LONTANE”. Il secondo appuntamento sarà invece mercoledì 27 aprile, con Leila El Houssi e Massimiliano Cricco che parleranno sul tema: “Così vicine, così lontane: Tunisia e Libia in transizione”, con a seguire la proiezione del video “Come un Uomo sulla Terra” sul tema dei migranti attraverso la Libia.

“DI FRONTE AL NUOVO MEDITERRANEO”. Infine martedì 3 maggio, Bruna Bagnato e Matteo Gerlini saranno i relatori di “Italia, Europa e Stati Uniti di fronte al nuovo Mediterraneo”, con la proiezione del video “Cairo Downtown” sul tema dei blogger in Egitto.

Ultime notizie

La Fiorentina sorride. Battuto il Toro

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: tutti i dati sull’affluenza

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano