sala accademia delle arti

In un tocco è possibile avere le informazioni principali sui più grandi monumenti voluti dal granduca Cosimo I de’ Medici, grazie a una app da scaricare gratuitamente sullo smartphone. Il progetto è stato realizzato dall’Accademia delle Arti del Disegno, con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Questa iniziativa fa parte del calendario di iniziative per 500 anni dalla nascita di Cosimo I e Caterina de’ Medici: nel comitato organizzatore degli eventi figura anche l’Accademia presieduta da Cristina Acidini. Proprio Cosimo I, il 12 gennaio 1563, fondò l’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, il primo istituto pubblico di arte fondato nel mondo occidentale.

L’app e le conferenze su Cosimo I de’ Medici

Grazie alla app, curata da Carlo Francini, è possibile accedere a contenuti storicamente e artisticamente validati da un nutrito gruppo di studiosi di varie università ed istituzioni, che hanno sviluppato il progetto sotto l’egida dell’Accademia delle Arti del Disegno.

L’Accademia apre anche le porte della sede di Palazzo dei Beccai (in via Orsanmichele, 4) per il ciclo di conferenze a cura di Carlo Francini “COSIMO I mezzo_millennio”, tenute dagli accademici e aperte al pubblico.

Il 15 marzo (ore 17.30) è in programma la conferenza “Arte e Potere. Cosimo e la nascita dell’Accademia del Disegno”, tenuta dall’archivista dell’Accademia Enrico Sartoni e incentrata sul tema della nascita dell’Accademia e i rapporti del duca Cosimo con l’ambiente artistico fiorentino.

Conferenze_CosimoI_locandina

Seguiranno altri 4 incontri: il 5 aprile Francesco Vossilla affronterà il tema della scultura tra Bandinelli, Cellini e Ammannati, il 10 maggio Carlo Francini parlerà del rapporto tra Cosimo e Palazzo Vecchio, il 24 maggio Lorenzo Tanzini illustrerà la nascita sotto Cosimo della Toscana moderna e il 7 giugno Gianluca Belli mostrerà la Firenze cosimiana nel suo assetto urbano e nell’impronta monumentale. Il ciclo di lezioni riprenderà poi a settembre.