domenica, 29 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Accoglienza tra i binari: l'Help...

Accoglienza tra i binari: l’Help Center ha una nuova casa

Inaugurata la nuova sede del presidio che aiuta i senza dimora alla stazione di Santa Maria Novella. Offre un tetto, ma anche corsi di formazione per ritrovare la speranza

-

La stazione Santa Maria Novella di Firenze, per definizione luogo di transito e di frenetico passaggio, può essere anche un punto di orientamento e aiuto per le persone senza fissa dimora. La nuova sede dell’Help Center inaugurata a fine ottobre in via Valfonda è uno sportello aperto a tutti coloro che, più o meno silenziosamente, ogni giorno si aggirano intorno a Santa Maria Novella.

L’Help Center di Firenze nasce dalla collaborazione di Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani), TrenitaliaRegione Toscana, Grandi stazioni, Comune di Firenze e l’associazione cattolica Acisjf, Associazione internazionale a servizio della giovane.

Fa parte di un grande progetto che ha già coinvolto le stazioni di Livorno, Prato, Grosseto, Pisa e Viareggio. Gli Help Center sono un presidio di aiuto concreto per le persone in difficoltà o in condizioni di disagio sociale che hanno nelle stazioni un punto di riferimento o la propria dimora.

L’Acisjf

L’Acisjf è un’associazione nata più di 100 anni fa in Germania per aiutare le giovani donne che non avevano un’adeguata preparazione e che cercavano di lasciare la propria famiglia o la propria città in cerca di lavoro. L’associazione è arrivata a Firenze nel 1902 e ha aperto il primo sportello di orientamento nel 1936 proprio alla stazione di Santa Maria Novella, lungo il binario 2. Il nuovo spazio è dunque anche un riconoscimento per il lavoro di promozione sociale portato avanti in tutti questi anni.

I servizi dell’Help Center di Firenze

Ogni anno mediamente si rivolgono all’Help Center di Firenze circa 3.900 persone in cerca di aiuto e orientamento. Al centro trovano prima di tutto accoglienza: grazie ai progetti Casa Serena e Casa Accoglienza, l’Help Center può indirizzare i richiedenti, specialmente quelli in situazione di grave vulnerabilità, presso mense e dormitori. Il centro si occupa anche di orientamento per la ricerca di una casa o di un impiego e fornisce assistenza medica e legale.

All’Help Center si organizzano poi corsi di promozione della lingua italiana, sia come insegnamento vero e proprio che come occasioni di socializzazione. L’anno scorso il Centro ha portato avanti e concluso circa 11.318 azioni sociali. Soprattutto, l’Help Center lavora per responsabilizzare le persone che vi si rivolgono, in modo che possano acquisire competenze e autonomia e garantirsi così una sistemazione di lungo periodo più sicura dei corridoi della stazione.

Ultime notizie

“Tanti piccoli fuochi” di Celeste Ng, la recensine

Una scrittura magnificamente scorrevole, paragonabile alla nostra Elena Ferrante, che racconta la mentalità benpensate americana.

Quanti contagiati oggi in Italia: meno casi, scendono le terapie intensive

I dati del 28 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

La Fiorentina sfida la capolista Milan: le probabili formazioni

Prandelli cerca la prima vittoria in campionato. Tornano Ribéry e Callejón: le probabili formazioni di Milan - Fiorentina

Decreto ristori quater: quando esce il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

In arrivo il quarto provvedimento con i ristori per le attività danneggiate dal Covid: il testo del decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel giro di pochi giorni