domenica, 17 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Aprile, torna la pioggia di...

Aprile, torna la pioggia di sbadigli

Si è riaffacciata la primavera e con lei i fastidi stagionali: sonno, nervoso e debolezza. I rimedi? Ginseng, eleuterococco e uno stile di vita “ragionato”: pasti leggeri e sani, niente alcol e orari (il più possibile) regolari. E, quando si può, una pausa dal lavoro.

-

Aprile dolce dormire, recita la saggezza popolare. Che come al solito si basa su un fondo di verità e trova riscontro nei disturbi tipici del cambio di stagione. Chi non ha mai accusato irritabilità, nervosismo, stanchezza, difficoltà di concentrazione o debolezza muscolare al momento del passaggio dall’inverno alla primavera? Certo che il contrario – la fine dell’estate, l’arrivo dell’autunno e l’avvicinarsi dell’inverno – è ben più stressante per psiche e corpo, complice la fine delle ferie e la sindrome da rientro, ma anche la bella stagione, per quanto attesa e desiderata, può portare qual- che disturbo. I neurologi attribuiscono sonnolenza e stanchezza diffusa al fatto che l’organismo ha bisogno di energie supplementari per affrontare l’aumento di luce e temperatura della primavera.

ACCORGIMENTI. A questo si aggiunge che lo stesso organismo, in questo periodo, tende a essere reduce da vari attacchi virali subiti in inverno, dalla classica influenza alle sindromi parainfluenzali e alle gastroenteriti più acute. Alcune ricerche concludono addirittura che una persona, di media età e condizioni psico- fisiche, abbia bisogno di circa una settimana extra di riposo in questo periodo. Visto che è obiettivamente difficile riuscire a concedersi così tanto tempo libero per affrontare la bella stagione, tanto vale premunirsi con alcuni piccoli accorgimenti che aiutano il fisico nel momento dello sbocciare della primavera. Fra le buone abitudini rientrano il rispettare orari di lavoro ragionevoli e concedersi, nell’arco della giornata, brevi pause per staccare con la mente e con il corpo, oltre a praticare, appena possibile, sport e attività fisica.

SOLUZIONI. Grande importanza è rivestita anche dalla regolarità – fortemente consigliato andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora – e dall’alimentazione: il pasto serale deve essere leggero, per consentire un buon riposo, ed è bene evitare di bere alcolici dopo cena, mentre fa bene aumentare il consumo di cereali integrali, vegetali a foglia verde, limoni, noci e miele. E ancora, è il caso di ridurre tè, caffè e cioccolata, che contengono sostanze eccitanti ma controproducenti perché il loro effetto è di breve durata e non cura la stanchezza. Sono poi sconsigliati i farmaci, anche perché esistono numerosi rimedi naturali per combattere i disturbi legati al passaggio dall’inverno alla primavera. Fra questi la cura con gli elementi minerali, l’omeopatia e la fitoterapia. Rosmarino, alloro e salvia sono alcune erbe aromatiche che la tradizione spesso indica come efficaci rimedi antistanchezza in generale, ma si può ricorrere anche a erbe più specifiche come l’eleuterococco, adatta alla stanchezza da “stress” fisici e mentali, e il ginseng, che stimola il sistema nervoso, aumenta il rendimento fisico e intellettuale, migliora l’attenzione e diminuisce la sensazione di fatica.

 

Allergie, i trucchi per limitarle

La maggior parte delle persone attende la primavera per passare giornate all’aria aperta nei prati, ma non è così per chi soffre di allergie. Per queste persone la bella stagione porta con sé fastidi e disturbi, talvolta anche molto violenti. Con le prime giornate di sole, infatti, si assiste alla maggiore presenza nell’aria di pollini, che sono la prima causa dei disturbi per chi soffre di allergie. A provocare questi fastidi non sono solo le graminacee, che si trovano nei nostri campi e prati, o la parietaria rintracciabile nelle città, ma anche betulle, cipressi e noccioli. Le reazioni allergiche riguardano principalmente gli occhi (con lacrimazioni e arrossamenti) e le vie respiratorie, con episodi che vanno dalla tosse al raffreddore fino a crisi asmatiche vere e proprie.

TRATTAMENTI. La cosa migliore, se si avverte il manifestarsi di questi sintomi allergici, è quella di recarsi dal proprio medico, e sottoporsi ai test che consentono di trovare una cura efficace e mirata. In questi casi, i trattamenti più diffusi sono a base di farmaci che agiscono sui sintomi allergici, o vaccini che aiutano la risposta immunitaria. Tuttavia, nella vita di tutti i giorni, è utile mettere in pratica, soprattutto nei periodi dell’anno più critici, semplici attenzioni per ridurre i possibili episodi allergici. Può rivelarsi utile, ad esempio, ridurre la permanenza e le  attività all’ aria aperta durante i periodi in cui maggiore è la diffusione di pollini, evitare di passeggiare dove l’erba è stata tagliata di fresco, chiudere le finestre verso sera o viaggiare in auto con i finestrini chiusi.

Ultime notizie

Fiorentina, prima volta allo stadio Maradona

La Fiorentina sfida il Napoli nel lunch match di domenica: le probabili formazioni. Commisso rinuncia allo stadio

In quanti in macchina, regole del nuovo Dpcm sulle persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid

Centri commerciali aperti o chiusi nel weekend: regole del Dpcm

Shopping pre-saldi a ostacoli. In zona gialla e arancione tutti i negozi possono stare aperti, ma nel weekend scatta la chiusura dei centri commerciali (con qualche deroga)

Quante persone possono partecipare ai funerali: il Dpcm Covid e le regole

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti, per cosa scatta il divieto, quali sono le deroghe secondo il Dpcm