giovedì, 25 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Borse e accessori ''taroccati'', maxisequestro...

Borse e accessori ”taroccati”, maxisequestro da due milioni di euro

Operazione della guardia di finanza contro la contraffazione a Firenze e Sesto Fiorentino: sequestrati quasi 98mila prodotti contraffatti, denunciati cinque cinesi.

-

Lotta alla contraffazione della guardia di finanza, maxisequestro da 2 milioni di euro.

LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE. Nei giorni scorsi sono state individuate, nell’area industriale fiorentina, diverse costruzioni adibite a deposito di stoccaggio di articoli di pelletteria contraffatti provenienti dalla Cina. Un primo intervento ha preso le mosse quando alcuni finanzieri hanno notato alcuni cittadini di etnia cinese trasportare alcuni scatoloni prelevati da un capannone di Firenze. Ad attirare l’attenzione della fiamme gialle le frenetiche attività di carico e scarico della merce, oltre al fare circospetto di un cittadino cinese, intento al trasporto degli scatoloni all’interno di una vicina attività commerciale. Insospettiti da questo atteggiamento, i militari si sono avvicinati e hanno notato alcune borse con i marchi “Louis Vuitton” e “Alviero Martini”.

A FIRENZE. I finanzieri hanno così deciso di entrare all’interno della ditta di “import – export” di pelletteria, cogliendo di sorpresa due cinesi intenti ad accatastare gli scatoloni e che, una volta identificati, non sono stati in grado di fornire alcuna spiegazione circa l’origine e la provenienza della merce. Le successive perquisizioni hanno consentito di sottoporre a sequestro 60.000 borse e accessori di moda recanti marchi contraffatti di note case di moda, alcuni dei quali erano esposti anche in vetrina per la vendita.

A SESTO. Il secondo intervento, realizzato a poche ore di distanza dal primo nella zona industriale di Sesto Fiorentino, ha permesso di individuare un fabbricato nella disponibilità di un cittadino cinese, anch’esso contenente numerosa merce contraffatta. Al momento dell’accesso, i finanzieri hanno trovato un vero e proprio deposito ricolmo di scatoloni contenenti, anche in questo caso, prodotti recanti i marchi “Louis Vuitton”, “Piero Guidi” e “Alviero Martini”. I circa 33.000 articoli contraffatti trovati, tra cui borse e accessori moda (foulard, portafogli, tracolle), sono stati anch’essi sottoposti a sequestro.

ALL’OSMANNORO. Un altro intervento effettuato in località Osmannoro in un’unità immobiliare ha permesso poi di trovare e sottoporre a sequestro penale oltre 4.000 accessori di abbigliamento recanti i marchi “Piero Guidi”. Così, dopo questi controllim sono stati denunciati complessivamente cinque soggetti all’Autorità Giudiziaria in ordine ai reati di introduzione nel territorio nazionale di merce contraffatta e commercio di prodotti con segni mendaci e ricettazione.

Ultime notizie

Zone rosse in Toscana: in arrivo micro-lockdown contro le varianti del Covid

Da Pistoia a Siena passando da alcuni comuni dell'empolese (Firenze:) si pensa a micro zone rosse in Toscana per fermare l'avanzata delle varianti del Covid

Quando esce il nuovo Dpcm Draghi e quando entra in vigore il decreto

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: quando esce il nuovo Dpcm del governo Draghi, quando entra in vigore e quando scade

Zona arancione e rossa: visita a congiunti, fidanzati e amici fuori comune

Il nuovo decreto Covid del governo Draghi aggiorna le regole sugli spostamenti. Si può andare a casa di congiunti, parenti o amici che abitano in comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa?

I comuni della Toscana in zona rossa e quelli a rischio

Alta l'allerta per le varianti del Covid-19. La lista dei comuni a rischio zona rossa si allunga e la Regione potrebbe decidere nelle prossime ore insieme ai sindaci nuovi territori rossi