venerdì, 23 Aprile 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaCaldo, più servizi per gli...

Caldo, più servizi per gli anziani

L'estate è appena iniziata e, con l'arrivo del caldo, aumenta l'attenzione per gli anziani che restano in città. Nel mirino soprattutto le conseguenze che le condizioni climatiche e la solitudine possono avere sulle persone in là con gli anni. Sempre attivo il numero verde per gli aiuti.

-

Il programma delle attività promosse dalla Società della Salute, che va ad integrare i servizi in funzione tutto l’anno, è stato presentato dall’assessore alle politiche sociosanitarie e presidente della Società della Salute Graziano Cioni, dal direttore dell’Asp Montedomini Anna Laura Abbamondi, dai rappresentanti dell’Ancescao, dell’Auser, della Uisp, della Protezione Civile. Erano presenti anche direttore sanitario dell’Azienda sanitaria di Firenze Piero Tosi e il responsabile del Dea di Careggi Stefano Grifoni. Nell’occasione l’assessore Cioni ha ricordato i numeri che caratterizzano il mondo anziani a Firenze: al 31 dicembre 2007 gli over 65 erano 94.789 pari al 27% circa della popolazione: di questi più della metà (52.283) ha più di 75 anni. Gli over 85 erano 14.865, gli ultranovantenni 4.977 e gli ultracentenari 188. Numeri che diventano ancor più significativi se si considera gli anziani che vivono soli: ben 30.551 gli over 65 (praticamente uno su tre), 20.456 gli over 75, 14.313 gli ultraottantenni e 2.684 gli ultranovantenni. “Si tratta di un piccolo esercito che, nonostante gli sforzi dell’Amministrazione, viene raggiunto solo parzialmente dai nostri servizi. Per questo lancio un appello ai familiari degli anziani che vivono da soli: soprattutto in questo periodo, fate loro una visita o una telefonata per verificare se stanno bene o se hanno bisogno di qualcosa”, ha detto Cioni. E, rivolgendosi direttamente agli anziani, l’assessore Cioni ha aggiunto: “in caso di bisogno chiamate il numero verde 800/801616. Il numero è attivo 24 ore su 24″.

Sulla questione delle conseguenze del caldo sullo stato di salute degli anziani Tosi e Grifoni hanno sottolineato come i primi giorni dell’ondata di calore tutt’ora presente a Firenze non si siano tradotti in una impennata degli accessi ai Pronto Soccorso, per adesso in linea con gli incrementi registrati nei mesi scorsi. “Confrontando la settimana dal 9 al 15 giugno, quando ancora non era caldo, e la successiva, non emergono differenze per quanto riguarda gli accessi ai Dea dell’Asl sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo – ha spiegato Tosi -. Idem per gli interventi del 118, addirittura in calo rispetto alle stesse settimane dell’anno scorso”. Sulla stessa linea anche i dati del Dea di Careggi, dove, come ha precisato Grifoni, dall’inizio del mese sono appena 60 gli over 65 anni che si sono presentati in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nessun assalto agli ospedali, quindi, né decessi a causa del caldo perché, ha aggiunto Tosi, “il caldo non provoca la morte in modo diretto se non in casi di gravi disidratazioni. Il problema è un altro e riguarda le conseguenze che condizioni climatiche critiche, come il gran caldo, possono avere su una persona il cui stato di salute è già critico riacutizzando malattie croniche o gravi presenti. Per questo tipo di problematiche diventa fondamentale l’intervento preventivo, ovvero tutto quello che può essere fatto per evitare che la situazione si aggravi”.

Ecco quindi una serie di consigli utili: non uscire nelle ore più calde e limitare le attività all’aperto, idratarsi e bere molto, preferire cibi facilmente digeribili (come per esempio la frutta e verdura), indossare abiti chiari e leggeri, cercare refrigerio dove possibile. Intanto, come confermato dalla Protezione Civile, l’attuale situazione climatica dovrebbe continuare ancora per qualche giorno. Per domani, infatti, viene confermata l’emergenza per le persone fragili mentre sabato la morsa del calore dovrebbe iniziare ad attenuarsi. Tornando ai servizi, è stato confermato il sistema sperimentato da tempo e ormai in funzione tutto l’anno. Da settembre 2006, infatti, sia l’Aiuto Anziani, ovvero la sorveglianza passiva, che la “sorveglianza attiva” sono attivi tutto l’anno . Fino a settembre, quindi, questi servizi vengono ampliati e rafforzati e accompagnati da ulteriori iniziative organizzate ad hoc per il periodo estivo come i ricoveri temporanei in strutture residenziali, le attività di socializzazione e svago, le vacanze anziani.
“I servizi di supporto dedicati agli anziani sono ormai noti e riscuotono sempre il gradimento dei cittadini – ha spiegato l’assessore Cioni -. Si tratta di un sistema efficiente ed efficace che funziona grazie alla ormai consolidata collaborazione e sinergia esistente tra i servizi sociosanitari e il volontariato”. Il programma di interventi viene infatti gestito in collaborazione con Montedomini, le Pubbliche Assistenze e le Misericordie di Firenze, le Reti di Solidarietà, l’Ancescao, l’Auser e la Uisp. Senza dimenticare l’importante contributo della Protezione Civile. Vediamo in dettaglio le opportunità a disposizione degli anziani.

AIUTO ESTATE ANZIANI
Si tratta della “sorveglianza passiva”, un pacchetto di servizi aggiuntivi in risposta all’emergenza sociale: in funzione no stop tutto l’anno, dal 1° luglio al 7 settembre l’attività viene potenziata. Sono interventi che vanno dalla semplice compagnia e alla spesa a domicilio, dal sostegno per le attività quotidiane a interventi di assistenza vera e propria destinati agli over 65enni. Assicurare insomma un riferimento stabile per tutti coloro che in ragione dell’età, dello stato di solitudine e della limitata autonomia personale possono venire a trovarsi in un improvviso stato di bisogno. E quindi attivare, in caso di necessità, interventi di assistenza domiciliare, accompagnamenti, commissioni, spesa e pasti a domicilio e via dicendo. Ma anche fornire informazioni sulle attività organizzate in città, sui servizi in funzione, sui negozi aperti e garantire un sostegno telefonico per alleviare la solitudine, più avvertito nel periodo estivo. L’utente deve semplicemente fare una telefonata al numero verde 800/801616 tutti i giorni, compreso i festivi, 24 ore su 24. Rispondono gli operatori della centrale operativa attivata presso Montedomini, in funzione tutto l’anno e che in estate viene rafforzata. In media ogni mese gli utenti che si rivolgono al numero verde sono oltre 480: tra i servizi più gettonati i pasti a domicilio (180 utenti) e gli accompagnamenti a visite, terapie e via dicendo (150).

SORVEGLIANZA ATTIVA
E’ rimasta in funzione anche la cosiddetta “sorveglianza attiva”, il servizio attivato nell’estate del 2004 dalla Regione Toscana e rivolto agli anziani over 75 anni la cui condizione di rischio (persone affette da cardiopatie, iperetensione, insufficienze respiratorie, patologie del sistema nervoso, patologie vascolari, epatiche e renali, diabetici) viene segnalata dalla rete dei servizi (medici di famiglia, ma anche servizi sociosanitari territoriali e Aiuto Anziani) e che viene modulato sulla base delle effettive condizioni climatiche e dei livelli di allarme comunicati dalla Protezione Civile. Ovviamente nelle altre stagioni il sistema funziona a scartamento ridotto, tenendo sotto controllo gli utenti con contatti meno frequenti rispetto all’estate. In questi giorni, con l’arrivo del caldo, il servizio è tornato a pieno regime integrandosi con il Telecare, anch’esso in funzione tutto l’anno. In totale gli utenti così monitorati sono oltre 600.
In concreto la “sorveglianza attiva” viene effettuata tramite contatto telefonico e/o visita domiciliare. L’intensità della sorveglianza è variabile sulla base delle effettive condizioni climatiche e dei livelli di allarme comunicati dalla Protezione Civile, che riceve i relativi bollettini dal “Sistema di allarme biometeorologico per la prevenzione degli effetti del caldo sulla popolazione” istituito dalla Regione Toscana.
I bollettini segnalano le condizioni di rischio per la salute per il giorno stesso e per i due giorni successivi (da nessun allarme a emergenza) rendendo così possibile l’attivazione di interventi differenziati in relazione alla gravità dell’allarme previsto. Concretamente si tratta di un contatto telefonico con gli anziani a rischio, tarato in base alle condizioni atmosferiche: più aumenta il rischio, più frequenti saranno le telefonate di controllo (fino a una telefonata tutti i giorni). Nel corso dei colloqui telefonici gli operatori verificano se il comportamento degli anziani è appropriato alle condizioni meteorologiche e nel caso forniscono informazioni utili per modificare comportamenti errati. In caso di rilevato rischio per la salute vengono allertati i presidi sanitari e ovviamente i familiari. Se l’anziano non risponde al telefono sono prima informati i parenti, poi viene effettuato un sopralluogo per verificare la situazione e nel caso avvertita la forza pubblica.

RICOVERI TEMPORANEI
Rientrano nel pacchetto dei servizi estivi anche i ricoveri temporanei degli anziani nelle residenze sanitarie assistenziali (RSA) e nelle residenze assistite (RA) nel periodo estivo. Questo servizio vuole rispondere alla domanda, sempre crescente, di ricoveri temporanei da parte delle famiglie che accudiscono in casa un anziano e che, soprattutto in estate, hanno necessità di un periodo di sollievo dagli impegni quotidiani. I ricoveri temporanei possono durare da 15 giorni a due mesi e riguardano anziani autosufficienti e non autosufficienti. Gli anziani nel periodo di ricovero pagano la normale retta calcolata in base al reddito.

PASTI E CENE IN AMICIZIA
Confermati anche i pranzi e le cene in amicizia al self service dell’ASP (Azienda per i servizi alla persona e polo cittadino dedicato agli anziani) Montedomini. Anche in questo caso il servizio, dedicata agli over 65enni, è attivo tutto l’anno e consiste nella possibilità di pranzare o cenare ad un costo di un euro. Si tratta di un servizio di supporto a quegli anziani che non sono in condizione di dover richiedere i pasti a domicilio, ma per i quali la preparazione del pranzo o della cena può costituire una difficoltà. Inoltre rappresenta un supporto per quanto riguarda l’alimentazione più corretta rispetto alle condizioni meteorologiche. Gli interessati devono prenotare ai numeri 055/2339600 e 055/2339601 oppure al numero verde 800801616. L’anziano partecipa alla spesa del pasto con un contributo di un euro a fronte di un costo di 6 euro. In media sono oltre 100 gli anziani che ogni giorno si recano a pranzare o cenare a Montedomini mentre i pasti serviti si attestano su 3.200 circa.

VACANZE ANZIANI
Confermate anche le vacanze anziani organizzate dai consigli di Quartiere. Il servizio offre una vasta gamma di soggiorni estivi quindicinali (da giugno a settembre) in località marine, montane e termali con la formula “tutto compreso”. L’anno scorso sono stati 2.432 gli anziani che hanno usufruito di questa possibilità.

ATTIVITA’ DI SOCIALIZZAZIONE E SVAGO
Torneranno anche le iniziative di socializzazione e svago, programmate dalla Società della Salute insieme ad Ancescao, Auser e Uisp. “Si tratta di opportunità particolarmente importanti – ha aggiunto l’assessore Cioni – perché lo svago, la compagnia e le attività rappresentano un elemento fondamentale per la buona salute degli anziani”. Ricco il programma che spazia tra gli eventi ludico-ricreativi alle gite, dalle visite ai musei alle attività motorie fino agli spettacoli. Per informazioni contattare l’Ancescao (055/2343021), l’Auser (055/674573) e l’Uisp (055/6583523).
Ancescao: confermate le iniziative tradizionali come le visite guidate presso i musei e ai giardini e parchi, le numerose attività ludico-ricreative (dai concerti musicali ai balli fino alle cocomerate), le gite fuori porta (mete come le Montagne Pistoiesi, Urbino, le cantine del Chianti Classico). Da segnalare il ricco programma organizzato presso il centro anziani Il Quercione alle Cascine con cabaret, incontri culturali, feste danzanti, gare di briscola, cineforum, tombola.
Auser: continuano anche nel periodo estivo le attività di aiuto alle persone nell’ambito del progetto “Alle radici della solidarietà” (segreteria sociale, spesa e medicinali a domicilio, accompagnamento, compagnia, iniziative negli ospedali e nelle case di riposo) integrate con iniziative ludico-culturali. Ovvero visite guidate a musei, palazzi storici e giardini (da segnalare per esempio le visite serali al Cenacolo di Santo Spirito con concerti e spettacoli), il cineforum con cocomerata, le tombolate e i tornei di carte e l’attività di Librovagando (prestito itinerante e invito alla lettura) in piazza d’Azeglio, piazza Santissima Annunziata e piazza delle Medaglie d’Oro. Uisp: il programma si concentra soprattutto sulle attività motorie per anziani. Si va dal movimento nel verde (ginnastica nei parchi, trekking leggero e passeggiate, biciclettate ecologiche) all’attività natatoria presso la piscina Le Pavoniere fino al corso di golf promozionale presso il Golf Club dell’Argingrosso. Previste anche gite a Vallombrosa, Porretta Terme e Costa Amalfitana.

Ultime notizie