domenica, 2 Ottobre 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaCaos asili nido, Di Giorgi...

Caos asili nido, Di Giorgi fa il punto della situazione

Quest'anno al Comune sono arrivate oltre 2.670 domande di ammissione agli asili nido e i posti disponibili sono 1.293. Ma l'assessore all'educazione assicura: 'presto pronti 4 nuovi progetti, già finanziati dall'amministrazione'.

-

Pubblicità

Quest’anno sono state esattamente 2.676 le domande di ammissione presentate in Comune dalle famiglie per iscrivere i propri figli ai nidi pubblici e a quelli privati (per i quali è comunque necessario risultare inseriti nella lista unica comunale e ottenere così il voucher regionale).

NUMERI E LISTE D’ATTESA. I posti messi a disposizione dal Comune sono però soltanto 1.293 e quindi la lista di attesa, a conti fatti, arriverebbe a 1.383 bambini. Tuttavia, spiega l’assessore all’educazione Rosa Maria Di Giorgi, “i numeri reali saranno molto più bassi e, tra rinunce e ammissioni ai nidi privati con voucher regionale, la vera lista d’attesa a Firenze, per l’anno 2011-2012, sarà di 550 bambini”.

Pubblicità

4 PROGETTI IN ARRIVO. Un dato che, assicura Di Giorgi, è destinato a decrescere verticalmente nei prossimi due anni: “il nostro impegno per lo sviluppo dell’offerta dei nidi ha prodotto 4 progetti, già finanziati dall’amministrazione. Si tratta degli asili di Santa Maria a Coverciano, dell’Ex Mayer, di San Salvi e di Palazzo Vecchio, che andranno a garantirci 200 nuovi posti. A questi andranno ad aggiungersi i nidi aziendali privati che molte società ed enti stanno già realizzando per il 2012/2013: Careggi (50 posti), Regione a Novoli (50 posti), Nuovo Pignone (50 posti), Palagiustizia di Novoli (35 posti), Scuola di Guerra Aerea delle Cascine (30 posti)”.

AVANTI, NONOSTANTE I TAGLI. “L’obiettivo – ha concluso l’assessore – è quello di azzerare le liste di attesa attraverso un impegno che vede l’amministrazione investire sulle scuole e sulle famiglie con grande determinazione, nonostante i tagli del Governo agli enti locali e la necessità di razionalizzazione nelle gestioni che questi comportano”.

Pubblicità

Ultime notizie