giovedì, 24 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus, in Toscana ricoverati al...

Coronavirus, in Toscana ricoverati al minimo degli ultimi tre mesi

Sono 7 i nuovi casi e 4 i decessi. Ricoverati al minimo dal 7 marzo: le notizie di oggi, 5 giugno, sul contagio da coronavirus in Toscana

-

Sette nuovi casi e quattro decessi: resta stabile l’evoluzione del contagio da coronavirus in Toscana, con dati in lieve rialzo rispetto a ieri ma comunque contenuti. E il numero dei ricoverati in ospedale scende ai minimi dal 7 marzo scorso. Ecco le ultime notizie riportate dal bollettino sul coronavirus della Regione Toscana di oggi, venerdì 5 giugno.

Ad oggi i casi attivi in Toscana sono 857, il minimo dal 16 marzo scorso. Il totale di quelli rilevati durante l’epidemia sale a 10.129.

I test eseguiti hanno raggiunto quota 266.508, 3.746 in più rispetto a ieri. Quelli analizzati nelle ultime ventiquattro ore sono 4.548.

L’aumento più consistente è di nuovo a Firenze, la provincia più colpita nella mappa del coronavirus in Toscana. Con 5 nuovi casi il totale sale a 3.478. Nelle altre province toscane si segnalano 566 casi a Prato (1 in più), 677 a Pistoia, 1.050 a Massa Carrara (1 in più), 1.364 a Lucca, 896 a Pisa, 557 a Livorno, 677 ad Arezzo, 438 a Siena, 426 a Grosseto.

La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi, con circa 272 casi ogni 100.000 abitanti. La media nazionale, a ieri, era di circa 388. Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 539, Lucca con 352, Firenze con 344, la più bassa Siena con 164.

Restano ad oggi 779 persone in isolamento a casa, positive ma con sintomi lievi o asintomatiche (meno 15 rispetto a ieri). Altre 4.828 (-480) persone sono isolate dopo aver avuto con casi positivi.

I ricoverati sono 78, il minimo dal 7 marzo scorso e 11 in meno di ieri. Di questi, 23 sono in terapia intensiva (1 in meno), il minimo dal 9 marzo.

Il totale dei guariti sale a 8.209 (+29), grazie anche alle 129 guarigioni virali, ovvero con doppio tampone negativo, certificate da ieri. I guariti a tutti gli effetti sono 7.332, altre 877 sono le persone “clinicamente guarite” (-100 rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche.

Ci sono 4 nuovi decessi, un uomo e 3 donne con un’età media di 85 anni. Uno nella provincia di Firenze, 2 a Massa Carrara e uno a Pisa. Il numero dei morti dall’inizio dell’epidemia di coronavirus in Toscana sale a 1.063 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 389 a Firenze, 48 a Prato, 80 a Pistoia, 158 a Massa Carrara, 135 a Lucca, 87 a Pisa, 59 a Livorno, 46 ad Arezzo, 30 a Siena, 23 a Grosseto. Altre 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano, ovvero il numero di deceduti sulla popolazione residente, per Covid-19 è di 28,5 ogni 100.000 residenti. La media italiana è di 55,8 e la Toscana è l’11° regione più colpita. Il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (81,1), Firenze (38,5) e Lucca (34,8), il più basso a Grosseto (10,4).

Sono i dati, aggiornati alle ore 12 di oggi, venerdì 5 giugno, ed elaborati dall’Agenzia regionale di sanità e dall’Unità di crisi Coronavirus.

Ultime notizie

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Corri la vita 2020, qual è il colore della maglia e come funziona la “gara”

La corsa benefica cambia, ma si svolgerà comunque. Percorso "individuale", musei gratis e prenotazioni online: ecco tutte le novità della 18esima edizione

Quando e dove si vota per il ballottaggio delle comunali 2020

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sulla seconda tornata elettorale

Libri scolastici con lo sconto: da Amazon alla Coop, come risparmiare

C'è chi sceglie l'usato (e spende la metà) e chi si affida al supermercato o ai siti internet con prezzi tagliati del 15% e promozioni, dai buoni ai punti spesa. La guida al risparmio per i libri di testo