martedì, 19 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Toscana: 8 nuovi casi, 5...

Toscana: 8 nuovi casi, 5 dopo rientro dall’estero. Il bollettino del 15 luglio sul coronavirus

Ci sono 8 nuovi casi, 5 dei quali dovuti al rientro dall'estero: dati e notizie di oggi, 15 luglio, sul contagio da coronavirus in Toscana

-

Ci sono 8 nuovi casi positivi al Covid 19, cinque dei quali riconducibili a persone rientrate dall’estero. Due i decessi, quattro i guariti: queste le ultime notizie riportate dal bollettino regionale sul coronavirus in Toscana di oggi, mercoledì 15 luglio.

Il totale dei casi rilevati in Toscana dall’inizio dell’epidemia tocca quota 10.338. Di questi, 313 sono attualmente positivi, due in più di ieri. I nuovi casi aggiornano così la mappa del coronavirus in Toscana: 3.223 casi complessivi in provincia di Firenze (1 in più rispetto a ieri), 546 a Prato (2 in più), 749 a Pistoia, 1.054 a Massa-Carrara (2 in più), 1.365 a Lucca, 936 a Pisa (3 in più), 479 a Livorno, 682 ad Arezzo, 429 a Siena, 404 a Grosseto. Altri 471 casi positivi sono stati notificati in Toscana ma riguardano residenti in altre regioni.

Coronavirus in Toscana: bollettino e notizie del 15 luglio

La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 277 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 403 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 541 casi x100.000 abitanti, Lucca con 352, Firenze con 319, la più bassa Livorno con 143.

Complessivamente, 301 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (stabili rispetto a ieri).
Sono 717 (più 18 rispetto a ieri, più 2,6%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 468, Nord Ovest 182, Sud Est 67).

Salgono anche le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid, oggi complessivamente 12, 2 in più rispetto a ieri. Di queste, 3 sono in terapia intensiva (1 in più rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite sono 8.898 (4 in più rispetto a ieri): 163 persone “clinicamente guarite” (+2), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 8.735 (+2) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Due i decessi che si registrano oggi: 2 uomini, con un’età media di 74 anni. Uno nella provincia di Firenze e uno in quella di Lucca. Sono 1.127 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 414 a Firenze, 52 a Prato, 81 a Pistoia, 172 a Massa Carrara, 143 a Lucca, 90 a Pisa, 61 a Livorno, 49 ad Arezzo, 33 a Siena, 24 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano per Covid-19 è di 30,2 morti per 100.000 residenti contro il 58 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (88,3), Firenze (40,9) e Lucca (36,9), il più basso a Grosseto (10,8). I test eseguiti hanno raggiunto quota 379.196, 3.451 in più rispetto a ieri.

Ultime notizie

In zona gialla si può uscire dal comune, non dalla regione: le regole

Sì agli spostamenti fuori comune, ma non si può uscire dalla regione: le regole per la zona gialla e le eccezioni per gli spostamenti verso le seconde case e per andare a fare visita a parenti, fidanzati e amici

A che ora parla Conte al Senato e quando è il voto di fiducia: la diretta

Conte parla due volte al Senato, poi il voto: a che ora si saprà se il governo avrà avuto la fiducia e tutti gli orari per seguire in diretta tv e streaming questa lunga giornata

Musei di Firenze aperti (anche gratis): nuovi orari 2021, dagli Uffizi a Boboli

L'apertura dei musei di Firenze dopo lo stop per il Covid: i nuovi orari per la zona gialla e tutti i luoghi d'arte aperti, dalle Gallerie degli Uffizi ai musei civici

Henry Moore, a Firenze 50 anni dopo. Il ricordo di Antonio Natali

Era il 1972, per la prima volta il Forte Belvedere ospitava una grande mostra d’arte contemporanea. Oggi le opere del celebre artista inglese tornano in città: “Ma non siamo cambiati per niente”. Il racconto dell’ex direttore degli Uffizi