La prestigiosa classifica internazionale premia Attems Pinot Grigio ’07 al settantesimo posto e Nipozzano riserva ’05 al settantaseiesimo. La Top 100 per il 2008 ha messo in classifica ben 14 vini provenienti dall’Italia, di cui 7 dalla Toscana.

Nella Top 10 solo un vino italiano: il Barolo 2004 di Pio Cesare al sesto posto. Il vincitore assoluto, il “Wine of the year” è il cileno Clos Apalta Colchagua Valley 2005 dell’azienda Casa Lapostolle. Gli assaggiatori che hanno stilato la classifica hanno valutato i vini secondo quattro criteri: la qualità, il valore, la disponibilità e il fattore x, che i giornalisti di Wine Spectator definiscono “excitement”.

“La classifica di Wine Spectator rappresenta da 20 anni – spiega Alessandro Regoli, fondatore di Winenews, uno siti più seguiti del mondo del vino – uno dei must di comunicazione nel mondo dell’enologia di altissimo prestigio. Questo che si voglia o non si voglia, o meglio, che si condivida o meno le scelte della famosa rivista statunitense”.

“Forse eravamo abituati bene in questi ultimi anni – commenta Regoli sulla discesa in classifica dei vini italiani – con le prime posizioni del Solaia di Antinori, dell’Ornellaia (allora di Lodovico Antinori, ndr) e del Brunello di Montalcino Tenuta Nuova di Casanova di Neri“.