martedì, 26 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Germania-Firenze in bici, le prime...

Germania-Firenze in bici, le prime tre tappe: da Erfurt a Ebersbach an der Fills

Dalla Germania a Firenze in bicicletta, in ''concomitanza'' con il Giro d'Italia: Il Reporter.it segue in diretta l'impresa di due fiorentini, Michele Mastrosimone e Lorenzo Passagnoli. Ecco il resoconto delle prime tre tappe.

-

Dalla Germania a Firenze in bicicletta, in ”concomitanza” con il Giro d’Italia: Il Reporter.it segue in diretta l’impresa di due fiorentini, Michele Mastrosimone e Lorenzo Passagnoli. Ecco il resoconto delle prime tre tappe.

Prima tappa, Erfurt – Sulzdorf an der Lederhecke

DST: 127.91
TM: 6h 23m 50s
MED: 20
MAX: 64.4
Dislivello salita: 1403m – Altitudine MAX: 870m
Pend. MED: 4% – Pend.MAX: 10%
Dislivello dicesa: 1256m

La tappa è stata più dura e complicata del previsto. La prima parte è andata molto bene, se non per il fatto che io accusavo mal di testa, limitandomi nella prestazione che era già impegnativa più del previsto. Dopo pranzo abbiamo fatto una sosta in modo che potessi riposare e recuperare energie.
Una volta ripartiti il  mal di testa per fortuna era sparito, ciò nonostante la tappa si è rivelata più dura di quanto pensassi. Il percorso era molto collinoso, con pendenze fino al 10%, rallentandoci di non poco nella marcia. Inoltre dopo Hildburghausen abbiamo trovato una deviazione e la segnaletica era scarsa, di fatto siamo stati obbligati a cambiare percorso rispetto al piano originale. Ci siamo poi riallacciati, ma era troppo tardi per continuare. Chiedendo informazioni per la strada, la gente non solo si prestava ben volentieri, ma era molto disponibile e precisa con le indicazioni. Siamo arrivati così alla ridente cittadina di Sulzdorf, in Bavaria, dove la gente del posto è stata così gentile da indicarci e accompagnarci in un posto dove era possibile pernottare con la tenda nei pressi di uno splendido lago. Le nostre condizioni sono buone, molto stanchi, ma non sfiniti. Abbiamo un manco di 14 km rispetto alla tappa prestabilita. Cercheremo di recuperare lo svantaggio domani facendo una tappa da 150.

Seconda tappa: Sulzdorf an der Lederhecke – Crailsheim

DST: 172.80 Km
TM: 9h 2m
MED: 19
MAX: 56.8
Dislivello salita: 1629m – Altitudine MAX: 421m
Pend. MED: 3% – Pend.MAX: 10%
Dislivello discesa: 1560m

Anche la seconda tappa è stata più lunga del previsto, dei 135 programmati, ne abbiamo fatti oltre 160. Bisognerebbe dire a quelli di google maps di rifare i calcoli. Per fortuna non c’erano grandi montagne, anche se il dislivello è maggiore rispetto a ieri, ma distribuito su più chilometri.
Il tempo era ottimo, anche troppo. Il termometro segnalava ben 40° sulle nostre spalle (non all’ombra).
 Abbiamo visitato la cittadina medievale di Rothenburg ob der Tauber, una sorta di Monteriggioni o San Gimignano alla tedesca (http://it.wikipedia.org/wiki/Rothenburg_ob_der_Tauber).
 Abbiamo passato quindi dal Bayern e infine al Baden Württenberg.
 Siccome sapevamo che avrebbe piovuto, abbiamo optato per pernottare in una Gasthaus (una sorta di ostello), purtroppo per noi le camere erano tutte piene (in piena settimana). Abbiamo chiesto e tutti ci dicevano che 2/6 km più avanti ce n’era una aperta. Alla fine di km ce ne siamo fatti un’altra ventina pedalando fino alle 21:30 di sera. In compenso la possibilità di fare una doccia calda ha ripagato appieno la fatica di 170 km.

Terza tappa, Crailsheim-Ebersbach an der Fills

DST: 89.23Km
TM: 4h 44m
MED: 18.8
MAX: 62
Dislivello: 1164m – Alt.Max: 477m
Pend.MED: 3%, Pend.MAX: 10%
Dislivello discesa: 1270m

Il tempo oggi ce l’ha mandata relativamente buona. Ci siam svegliati che pioveva a dirotto, ma il tempo di fare colazione ed aveva già smesso e iniziato ad asciugare. Meno magnanimo è stato il percorso. Immaginavamo fosse più pianeggiante e invece abbiamo fatto un discreto dislivello anche oggi. E comunque non ce la siamo scampati completamente dalla pioggia. A metà percorso ha iniziato a  diluviare rendendo la tappa ulteriormente complicata.
 Anche oggi la tappa si è “allungata”, ma di “soli” 10 km. In compenso abbiamo ricevuto un bagno e un pasto caldo presso la casa dei genitori della mia ragazza dove, ovviamente, pernotteremo anche.
Domani ci aspetterebbe una tappa di 160 km, ma stiamo vagliando la possibilità di accorciarla visto che le distanze di google maps tendono ad allungare, in maniera direttamente proporzionale a quanto è lunga una tappa, inoltre. 
Comunque la forma fisica va bene e il morale è alto. Proseguiamo avanti!

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: i dati delle ultime 24 ore per regione

I dati del 25 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?

Quante persone possono entrare in un negozio: come calcolare il numero massimo

Come calcolare il numero massimo di persone ammesse in un negozio: le regole anti-Covid del nuovo Dpcm, dal cartello a quanti clienti possono entrare per metro quadrato

Quando il cambio di colore delle regioni: ogni quanto vengono decisi i colori Covid

Permanenza più lunga in zona arancione e rossa: quando viene deciso il cambio di colore delle regioni italiane e quando cambiano effettivamente i colori, con l'entrata in vigore dell'ordinanza

Zona rosso scuro: cosa significa per chi vuole viaggiare in Europa e Italia

Nella "mappa" dell'Europa arriva una nuova zona, rosso scuro, con limitazioni per chi vuole viaggiare: cosa significa e cosa cambia nelle regioni italiane che finiranno in questa fascia di rischio