venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Il pane a Siena, le...

Il pane a Siena, le mele a Pistoia: ecco dove si spende meno in Toscana

Il Codacons ha reso noti i dati regionali relativi all’indagine sui prezzi condotta dall’associazione insieme al sito www.spesafacile.com, specializzato nel monitoraggio delle offerte promozionali di supermercati e ipermercati. Siena la città più economica, Grosseto la più ''salata''. Ecco la lista dei singoli prodotti.

-

Una “guida” utile per fare la spesa.

LA RICERCA. E’ quella stilata dal Codacons, che ha reso noti i dati regionali relativi all’indagine sui prezzi condotta dall’associazione insieme al sito www.spesafacile.com, specializzato nella raccolta e nel monitoraggio delle offerte promozionali di supermercati e ipermercati.

OFFERTE DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE. La ricerca – spiega Codacons – è stata realizzata prendendo in esame le offerte promozionali della grande distribuzione, analizzando la quasi totalità dei punti vendita presenti in Toscana e in Italia, e considerando un paniere composto da 28 beni, che rappresentano la spesa settimanale tipo di una famiglia media. Nel paniere si trovano generi alimentari come latte, uova, pane, pasta, carne bovina, e beni legati alla persona come sapone, detersivo e dentifricio.

”VINCE” SIENA. Dallo studio emerge come la città della Toscana (e di tutta Italia) più economica sia Siena, mentre quella dove i prezzi risultano più salati è Grosseto. Le divergenze esistenti tra le varie città della regione sotto il profilo dei prezzi al consumo – continua Codacons – incidono pesantemente sui bilanci delle famiglie e sul loro potere d’acquisto, in quanto differenze di pochi euro sulla spesa settimanale equivalgono a differenze di centinaia di euro a fine anno.

PRODOTTI. Scendendo nel dettaglio dei singoli prodotti, dal report di Codacons emerge che la città più conveniente in cui comprare la farina sia Siena (che si aggiudica anche la maggiore convenienza per aranciata, bagnoschiuma, caffè macinato, carta igienica, tonno e pane), mentre è meglio andare ad Arezzo per comprare acqua naturale, crackers, detersivo liquido per lavatrice, pasta di semola, prosciutto cotto e riso. A Firenze è meglio acquistare il parmigiano, a Prato birra, carne di bovino, latte parzialmente scremato, olio e tavolette di cioccolato, a Pistoia burro, mele e uova. E ancora, il prezzo più basso per il dentifricio è a Livorno, per le patate a Massa-Carrara e per la polpa di pomodoro a Grosseto.

PROVINCE. Sul blog del presidente Codacons www.carlorienzi.it è pubblicata inoltre la classifica delle 110 province italiane, ordinate in base alla loro economicità. E sul sito è possibile scoprire quale posizione occupano le città della Toscana.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Tour della Toscana, alla scoperta delle bellezze di questa regione

Arte, storia, cultura, piccoli borghi, natura e buona cucina: i migliori tour della Toscana da Firenze al Chianti fino alla Val d'Orcia

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini