mercoledì, 23 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl teatro di strada in...

Il teatro di strada in scena a Certaldo

Torna dal 14 al 18 luglio l'ormai tradizionale appuntamento con Mercantia, che giunge alla sua 23esima edizione. Tema di quest'anno sarà la "Luce leggera". Tanti gli eventi in programma.

-

Con quasi 100 gruppi in scena ogni sera per cinque giorni, oltre 35.000 biglietti staccati (dati Siae 2009) e almeno 50mila presenze totali, torna a Certaldo, dal 14 al 18 luglio prossimi, “Mercantia – Festival internazionale del teatro di strada”, giunto alla 23esima edizione, punto di riferimento italiano per questo tipo di spettacolo. L’edizione 2010, che avrà come tema “luce leggera”, riscopre una forma di spettacolo che, nonostante i grandi numeri del Festival, vuole essere in armonia con la scena naturale che lo accoglie e soprattutto con lo spettatore, che qui diviene realmente parte integrante dello spettacolo.

KERMESSE. Dalle 21 alle 22 e, in replica, dalle 24 fino a chiusura, va in scena la Kermesse, ovvero la rassegna di street band e parate di strada con i migliori gruppi del settore. Tra le Street Band, che impazzano trascinando il pubblico per le vie come pifferai magici, la “Samba del sol” del Teatro Carillon punta tutto sulle sonorità brasiliane, la Zastava Orchestar conferma la predilazione per il sound balcanico, la Fantomatik Orchestra che spinge a fondo nel funky.

SPETTACOLO. Fin dal tramonto, angeli bianchi immobili sulle mura e trapezisti del Nuovo Circo che volteggiano nel vuoto accolgono gli spettatori alle porte del borgo medievale, per una prima parte di spettacoli che si svolgono dal tardo pomeriggio fino alle 21 e, dopo la Kermesse, dalle 22 alle 24, nelle decine di giardini interni, piazze, vicoli, torri e sottosuoli: dal Nuovo Circo, al teatro popolare, al cabaret, alla danza, alla prosa, alle tante le proposte di teatro di strada. Questi alcuni degli spettacoli delle varie sezioni:

Nel “Circo contemporaneo” il Circo Flic di Torino presenterà “circo in pillole”, il meglio dei numeri circensi realizzati dai giovani allievi, e “Invisibile”, surreale spettacolo realizzato giocando con gli oggetti, dedicato alla “ordinaria follia” della nostra quotidianità. In “Teatro & Strada” i “Casata Maluf” in “Ambreto Malefica”, rivisitazione in chiave clownesca della famosa opera shakespeariana, con un gruppo di streghe che, offese per l’intrusione nel loro antro di un ignaro gruppo di artisti che vuole allestire l’Amleto, decide di sabotare la rappresentazione con un maleficio, che fa naufragare gli attori tra i personaggi di altre opere di Shakespeare (Romeo e Giulietta, Macbeth, Othello).

Spazio importantissimo quello dedicato al progetto “Dalla Commedia dell’arte ai nostri giorni” di Gianfranco Pedullà per Teatro Popolare d’Arte, nel Giardino della Casa del Boccaccio, con vari spettacoli, far cui “I misteri di pulcinella”, con Gianfranco Pedullà e Rosanna Gentili, “Petrolineide” con Nicola Rignanese. Nel settore Internationals, le mongole “Hulan” saranno una sicura attrazione, formazione femminile di otto artiste, 4 musiciste, 1 cantante, 1 ballerina e 2 contorsioniste, che esplorano a 360 gradi la componente poetica, spirituale e raffinata della musica, del canto e delle arti circensi mongole. E gli Jashgawronsky Brothers, musica da riciclo fatta suonando i più strani e riciclati strumenti del mondo, cestini, tubi, barattoli e imbuti, un sound tanto improbabile quanto esilarante.

SENTIERI NASCOSTI. Percorsi inconsueti, luoghi nei quali non ci si imbatte per caso, ma che vanno realmente cercati, all’interno dei quali si trovano “chicche” di arte e spettacolo: teatro d’ombre, musica, installazioni, reading, tra i quali spunta la performance di Sandro Berti (Banda Osiris), insignito col Chiodo d’oro 2010 e le sue “Storie di libertà”, brani da Rodari a De Andrè.

ARTE/MOSTRE. Ma lo spettatore può incontrare anche mostre d’arte vere e proprie, come “Lune inquiete – Darkness & Light” a cura di Francesca Pepi per Fornace Pasquinucci, “Oltre lo specchio” dell’associazione Griselda, o “SenzAtomica” dell’Istituto Buddista Soka Gakkai.

ARTIGIANATO ARTISTICO. E a fianco del teatro, l’altra anima di Mercantia è da sempre l’artigianato artistico. Con oltre 60 artigiani che esporranno i loro manufatti e li realizzeranno dal vivo, e un progetto speciale, realizzato da Cla.r.idea per la C.N.A., dal titolo “alla ribalta”: in Piazza Santi Jacopo e Filippo, allestita come un grande camerino teatrale, gli attori si preparano ad andare in scena. Al lavoro gli artigiani del teatro: Gabriele e Gherardo Filistrucchi, i costumi della Sartoria Teatrale Poli, e sullo sfondo la scenografia di Giselle del Maggio Fiorentino. Un omaggio a tutto il comparto artigianale che lavora nel e per il teatro. Nella parte bassa del paese, un mercatino con circa 100 espositori, attentamente selezionati.

“In questi tempi pesanti, con la gente alle prese con vari problemi, dove le utopie e la semplice speranza del futuro vengono sostituite dal cinismo e dai falsi valori, noi vogliamo lavorare sulla leggerezza, la luce e il sorriso – dice il direttore artistico, Alessandro Gigli – di questa leggerezza Italo Calvino ne parla nelle sue lezioni americane, noi ci vogliamo riferire anche alla conoscenza e alla spiritualità, vogliamo guardare oltre la pesantezza dei nostri tempi, grazie a uno spettacolo e un’arte capaci di parlare al cuore. La proposta artistica sarà molto articolata, con spettacoli in strada e all’improvviso che durano pochi minuti, fino a versioni teatrali e circensi dei classici scespiriani che si protrarranno ben oltre un’ora di durata, perché Mercantia prosegue ogni anno il suo percorso di ricerca e rinnovamento del teatro”.

Informazioni: Mercantia si svolge a Certaldo (Firenze) da mercoledì 14 a domenica 18 luglio 2010, ogni giorno dalle 18 alle 1 circa. L’ingresso è libero nella parte bassa del paese, a pagamento (7,50/18 euro) nella parte alta. Parcheggi e servizio di bus navetta sono gratuiti. Info turistiche: tel. 0571/656721. Programma su www.mercantiacertaldo.it.

Ultime notizie