sabato, 19 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica L'estate fiorentina si svela

L’estate fiorentina si svela

Approvati contributi per 120mila euro per "Firenze Estate": in arrivo cinque mesi di iniziative e oltre 100 eventi per tutti. Saranno tre i grandi filoni dell’Estate Fiorentina 2009, che "permetteranno di avere a Firenze una vivibilità ed un divertimento alla portata di tutti".

-

Una settimana di eventi in piazza Santa Croce, dal 3 al 10 luglio: Dario Fo e la “Lezione su Giotto” (8 e 9), il Musical sulla Divina Commedia di Dante Alighieri (3 e 4), il concerto per i 180 anni della Cassa di Risparmio di Firenze con il Maestro Giuseppe Lanzetta (10 luglio). Il filone dei festival musicali: a settembre Nextec alla stazione Leopolda a cura del Musical Concentus; il MUV dal 9 al 14 giugno per la musica dal vivo allo Sferisterio; Toscana Classica in particolari luoghi della città proporrà concerti di musica classica. Il terzo filone sarà quello della valorizzazione degli spazi della città: ritornerà protagonista il Parterre in piazza della Libertà, animato da Pangloss con il jazz, In-Fortezza con gli spettacoli di Controradio Club (ma non solo), Sant’Ambrogio con l’associazione culturale ZTL (Zona Transito Libero) e numerosi spazi meno centrali, più periferici, come Rifredi con Pupe e Fresedde, il teatro Everest al Galluzzo, piazza Tasso, San Frediano, Santo Spirito, Brozzi e luoghi particolarmente suggestivi come la spiaggia in riva all’Arno oppure completamente nuovi come il Cimitero degli Inglesi.

Spazio anche alla presentazione di libri pubblicati recentemente: quattordici appuntamenti nel cortile di Palazzo Strozzi con la lettura di libri a cura della Fondazione Rinascimento Digitale. “Avremo una città che potrà vivere spettacoli e momenti di intrattenimento diffusi, al centro ma anche nella periferia, con una distribuzione delle risorse che cerca di tenere nel massimo conto l’opinione di tutti. Non ci saranno solo spettacoli, musica, teatro, prosa ma anche la valorizzazione di alcuni percorsi guidati sull’archeologia fino ai sotterranei di Palazzo Vecchio. Sarà un programma che permetterà ad un pubblico vasto ed eterogeneo di poter vivere Firenze anche d’estate: celebrando gli spazi storici e valorizzando quelli meno conosciuti. Rispetto alle risorse che abbiamo a disposizione, sarà un’Estate Fiorentina che farà vivere di più la città” ha spiegato l’assessore alla cultura iEugenio Giani, llustrando la delibera approvata dalla giunta che assegna i 120.000 euro di contributi alle 34 associazioni che hanno presentato i progetti approvati per la rassegna “Firenze Estate”.

Complessivamente sono state presentate 76 proposte (da 73 diversi soggetti) e anche quelle che non riceveranno i contributi, potranno ugualmente usufruire dell’abbattimento fino all’80% della COSAP (il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche). Ma l’Estate Fiorentina spazierà oltre i confini territoriali: infatti sono state confermate le collaborazioni con i comuni di Sesto Fiorentino (concerto della Bandabardò a Villa Solaria il 6 giugno: 10.000 euro) e Fiesole (concerto di David Byrne al Teatro Romano il 18 luglio: 10.000 euro). Il criterio per l’assegnazione dei contributi alle associazioni tiene conto di alcune precisazioni. Non necessariamente l’Estate Fiorentina si esaurisce con questi 120.000 euro. Sono state create le condizioni per cui alcuni progetti (circa una quindicina) presentati per i contributi ordinari potranno usufruire di altri finanziamenti (circa 200.000 euro) che saranno approvati nei prossimi quindici giorni. Nessun contributo approvato oggi supera i 10.000 euro.

 

Ultime notizie

La Fiorentina sorride. Battuto il Toro

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: tutti i dati sull’affluenza

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano