Oltre 7 chilometri di percorso e 17 fermate tra piazza della Libertà, Firenze sud e Bagno a Ripoli, dove sarà realizzato anche il secondo deposito di Sirio. È questa l’idea per la linea 3.2 della tramvia al centro della conferenza dei servizi che ha iniziato a riunirsi lo scorso 12 febbraio: ci vorrà però del tempo per chiarire alcuni aspetti del progetto. Due in particolare le questioni sul tavolo, facciamo quindi chiarezza.

Il “trasloco” degli alberi di viale Matteotti

Il primo dubbio è stato sollevato dal soprintendente ai beni culturali e paesaggistici Andrea Pessina e riguarda in particolare il tratto di viale Matteotti: il progetto prevede, per far spazio ai binari nella parte centrale della strada, l’abbattimento degli alberi presenti e l’arrivo di nuove piante, ma in una posizione diversa rispetto a quella attuale, cosa che, secondo il soprintendente, andrebbe a modificare il disegno originario pensato da Giuseppe Poggi nell’Ottocento per i viali di circonvallazione.

“Come abbiamo trovato soluzioni nelle altre occasioni troveremo una soluzione anche per il tracciato che va a Bagno a Ripoli – ha assicurato il sindaco di Firenze Dario Nardella – i cittadini del quartiere 3 e di Bagno a  Ripoli vogliono la tramvia, ma è anche giusto avere la massima attenzione per l’impatto sul patrimonio storico artistico e per la tipologia dei cantieri, che dovranno durare poco”.

I resti delle mura di Firenze

Altro nodo da sciogliere è quello che riguarda ciò che si trova sotto il livello della strada in piazza della Libertà. Qui il progetto prevede la creazione di un sottopasso pedonale. La sovrintendenza ha chiesto che siano effettuate delle indagine archeologiche per capire quanto i cantieri andranno a incidere sui resti della Firenze antica.

Il progetto della linea 3.2 della tramvia: percorso e fermate

La linea 3.2 della tramvia collegherà Bagno a Ripoli e Firenze sud con piazza della Libertà, questo sarà anche il nodo di scambio con la linea 1 grazie a un nuovo braccio dei binari, ancora da realizzare, che andrà dalla Fortezza a piazza della Libertà e poi a piazza San Marco (qui l’articolo sui futuri progetti della tramvia di Firenze).

rendering tramvia 3.2

Il tracciato della 3.2 segue i viali di circonvallazione, con fermate vicino viale Don Minzoni, in viale Matteotti, in piazzale Donatello, in viale Gramsci prima all’altezza di via Pellico e poi nei pressi di via Leopardi, in piazza Beccaria e in piazza Piave. Sirio proseguirà sui lungarni, fermandosi su lungarno del Tempo, all’altezza di via del Ghirlandaio, e poi su lungarno Colombo con uno stop poco prima dell’incrocio con via De Sanctis.

La tramvia 3.2 salterà l’Arno usando proprio il Ponte da Verrazzano (per le auto sarà creato un nuovo ponte all’altezza dell’impianto di Pubbliacqua con una nuova viabilità), poi imboccherà viale Giannotti su cui sono previste 3 fermate: una più vicina a piazza Gavinana, la seconda più o meno a metà vicino a via del Bandino e la terza nei pressi di via Erbosa. Da qui si prosegue su viale Europa con 3 stop, di cui uno nei pressi del Cimitero del Pino per servire anche la zona di Sorgane. Qui vicino sarà realizzato anche il deposito dei tram, il secondo della rete tramviaria fiorentina.

tramvia 3.2

Infine i binari continueranno per circa un chilometro sul territorio comunale di Bagno a Ripoli, al centro del viale del Pian di Ripoli, con una fermata in prossimità dell’istituto superiore Gobetti-Volta. Fine corsa al capolinea di via Granacci.