lunedì, 15 Luglio 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaLa mutua di Legacoop Toscana...

La mutua di Legacoop Toscana compie 30 anni

Reciproca, nata dalla fusione della Toscana Insieme Salute e dell'emiliana Fare Mutua, oggi è una delle prime mutue sanitarie italiane

-

- Pubblicità -

Più di 100 mila soci, una raccolta che supera i 14 milioni di euro e una presenza su tutto il territorio nazionale, con la sede principale a Firenze. Sono i numeri della mutua di Legacoop Toscana che festeggia i 30 anni dalla fondazione. Nata nel 1994 come Insieme Salute, dal 2019 ha assunto il nome di Reciproca sms a seguito della fusione per incorporazione della società di mutuo soccorso emiliana Fare Mutua.

L’evento per i 30 anni della mutua

“Oggi Reciproca sms è una delle prime mutue sanitarie italiane – afferma spiega Antonio Chelli, presidente di Reciproca sms nonché attuale presidente di Fimiv, la Federazione italiana della Mutualità integrativa volontaria -, ma non ha smarrito le proprie radici e non ha perso la propria caratteristica di società di mutuo soccorso che si propone di essere integrativa, e non sostitutiva, del sistema sanitario nazionale”.

- Pubblicità -

Per questo anniversario i soci di Reciproca si ritroveranno sabato 24 febbraio a Firenze al Teatro del Sale (ingresso riservato ai soci prenotati) per un evento nel corso del quale, alla presenza del presidente di Reciproca sms Antonio Chelli e del presidente di Legacoop Toscana Roberto Negrini, saranno premiati i primi soci che hanno consentito alla mutua di nascere, crescere e svilupparsi.

La storia di Reciproca

“Nel 1994, su impulso della Legacoop, si costituirono in alcune regioni italiane delle società di mutuo soccorso che si rivolgevano ai cittadini proponendo un’integrazione al sistema pubblico della sanità, sulla falsariga di quelle che, nel secolo scorso seguendo i principi solidali e cooperativi, aiutavano le persone tramite una mutua assistenza – spiega Chelli – In Toscana nacque così Insieme Salute Toscana”

- Pubblicità -

I primi soci di Insieme Salute Toscana furono le famiglie di cittadini che desideravano utilizzare i servizi che la mutua proponeva attraverso convenzioni con strutture accreditate dal Servizio Sanitario Nazionale e con professionisti, poi pian piano si associarono anche alcune grandi cooperative. Ma il vero balzo in avanti si ebbe con l’ingresso di molte cooperative sociali: Insieme Salute Toscana superò, così, i 20mila soci ponendosi come un importante punto di riferimento in ambito sanitario e socio sanitario della Toscana. Si arriva così alla svolta decisiva del 2019, con la fusione per incorporazione della società di mutuo soccorso emiliana Fare Mutua e la trasformazione in Reciproca SMS.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -