lunedì, 5 Dicembre 2022
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaOmicidio stradale, approvata la legge

Omicidio stradale, approvata la legge

Il Senato ha approvato il ddl sull’omicidio stradale. La soddisfazione del sindaco Nardella: ''Abbraccio Stefano e Stefania Guarnieri, da anni fermi e composti al nostro fianco in questa battaglia. La loro vittoria è la vittoria di Lorenzo, di tutte le vittime, e la nostra''

-

- Pubblicità -

Il Senato ha approvato ieri il ddl  che introduce il reato di omicidio stradale. E da Firenze, città da cui tutto è partito, non si sono fatte attendere le prime reazioni.

Nardella

A cominciare da quella del sindaco Dario Nardella: “L'omicidio stradale è realtà. Dopo anni di rinvii e tentennamenti, adesso chi guida ubriaco o drogato verrà punito con pene severe come mai accaduto prima d'ora. Sono orgoglioso che questa legge di giustizia e buon senso sia germogliata a Firenze, con l'associazione intitolata a Lorenzo Guarnieri, vittima a nemmeno 18 anni, e grazie alla sensibilità dell'allora sindaco Matteo Renzi, primo firmatario di una proposta di legge di iniziativa popolare che chiedeva di introdurre questa nuova fattispecie di reato”: queste le parole del sindaco.

- Pubblicità -

“Ringrazio il premier Renzi e il sottosegretario Luca Lotti, che ha preso a cuore questa proposta di legge, e abbraccio Stefano e Stefania Guarnieri, da anni fermi e composti al nostro fianco in questa battaglia. La loro vittoria – ha concluso Nardella – è la vittoria di Lorenzo, di tutte le vittime, e la nostra”.

Giani

“La notizia che il Senato ha definitivamente approvato la legge sull’omicidio stradale è una bellissima notizia”: questo il commento del presidente del consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani. “Il Consiglio si era, nel suo piccolo, già impegnato in questo senso – aggiunge Giani – approvando una mozione. L’impegno con il quale noi e questo governo si è dedicato alla questione è dovuto alle famiglie delle tante vittime della strada. Oggi un altro e decisivo passo è stato fatto”.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -