sabato, 31 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Pisa, dopo la Sapienza chiudono...

Pisa, dopo la Sapienza chiudono (per protesta) anche i negozi

Dopo la chiusura dell'ufficio dell'antica università, i negozianti hanno registrato un calo del 70% di fatturato. Così stamani hanno serrato i negozi per due ore di protesta.

-

Da maggio la sede storica della Sapienza a Pisa è chiusa. A risentirne di più, a distanza di quasi quattro mesi, sono i negozianti della zona.

LA SERRATA. Così questa mattina per oltre due ore i titolari di almeno venticinque esercizi commerciali hanno chiuso le saracinesche e hanno affisso cartelli e striscioni in segno di protesta. A causa della chiusura della sede della Sapienza i negozi dell’area lamentano da fine maggio un calo del 70% di fatturato. Chiuse le attività, sono andati tutti insieme a seguire una lezione di giurisprudenza all’aperto. La protesta serve per sensibilizzare la cittadinanza sul caso della Sapienza.

LAVORO IN MENO. Da quando gli uffici non sono più aperti, i negozianti – sostengono – ne hanno risentito parecchio. Sono sparite infatti circa duemila persone al giorno che transitavano per il palazzo e le circa duecento che frequentavano la biblioteca universitaria. Tutto questo – aggiungono – ha portato non solo a un calo del fatturato, ma adesso sono a rischio ben quaranta posti di lavoro. 

LA CHIUSURA. Dal 29 maggio un’ordinanza del sindaco di Pisa ha determinato la chiusura per almeno due anni del palazzo storico della Sapienza. La struttura recava dei danni di staticità, peggiorati negli anni. Il palazzo conteneva la biblioteca e la facoltà di Giurisprudenza. Negli anni sono stati accumulati talmente tanti libri, si parla di oltre seicentomila volumi, da rendere perfino difficoltoso il passaggio nei corridoi. Troppi libri nei piani superiori arrecavano danni alla stabilità della pavimentazione.

Ultime notizie

“Trilogia di New York” di Paul Auster, la recensione

Tutti e tre ambientati a New York, città alienante per eccellenza, in cui ci si ritrova e ci si perde con una facilità dirompente, i racconti hanno come minimo comune denominatore le vicende di scrittori-investigatori e il rapporto che ognuno di loro ha con il proprio “io”.

Bonus bici mobilità 2020: come richiederlo al Ministero dell’Ambiente

Contro alla rovescia per i voucher bicicletta: quando parte la piattaforma del Ministero dell'Ambiente per fare domanda del bonus mobilità, cosa serve e come funziona la procedura online

Covid-19, quanti contagiati oggi in Italia. Brusaferro (Iss): “Situazione grave”

I dati del 29 ottobre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Quante persone possono entrare in un negozio: il numero massimo

Come calcolare il numero massimo di persone ammesse in un negozio: le regole anti-Covid del Dpcm di ottobre, dal cartello a quanti clienti possono entrare