mercoledì, 20 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica I sintomi del coronavirus

I sintomi del coronavirus

Febbre, tosse secca e senso di stanchezza, ma anche dispnea, rinorrea e emottisi: i sintomi del coronavirus

-

Quali sono i segnali che devono metterci in allarme per un possibile contagio? Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, i sintomi più comuni del Covid-19, la malattia provocata dal coronavirus, sono febbre, senso di stanchezza e tosse secca: meno comuni ma altrettanto preoccupanti, la dispnea, la rinorrea e l’emottisi. Altri sintomi possono essere dolori muscolari, respiro corto, naso che cola, mal di gola e diarrea.

I sintomi più comuni

La febbre è un primo campanello d’allarme e uno dei sintomi più comuni del contagio da coronavirus. L’allerta scatta sopra i 37,5 gradi, ma può salire fino a temperature più alte. Le normative impongono, in caso di febbre, di restare in casa isolati.

Tabacchi, poste, banche, benzinai: servizi aperti e chiusi

Altrettanto comune è la tosse, che si presenta più spesso in forma secca e insistente, senza formazione di catarro.

Coronavirus, attenzione alla rinorrea

Tra i sintomi del contagio da coronavirus c’è anche la rinorrea, nome scientifico di quella condizione che comunemente viene chiamata “naso che cola”.

Coronavirus, verso la sospensione dei mutui: venerdì il decreto

La rinorrea è la perdita eccessiva di materiale dal naso, che va dal liquido chiaro al muco più denso, sia verso l’esterno che verso la gola. È un sintomo solitamente associato a patologie come il raffreddore, l’influenza e le allergie.

Dispnea, la “fame d’aria” tra i sintomi del coronavirus

La dispnea, o “fame d’aria”, è un altro dei sintomi del Covid-19, la malattia del coronavirus. La dispnea è la sensazione di far fatica a respirare, dovuta alla difficoltà che insorgono nel processo scambio di gas tra il sangue e l’aria respirata che avviene negli alveoli polmonari. È un sintomo comune delle malattie polmonari, prima fra tutte l’asma.

I negozi di animali sono aperti? Scatta la corsa al cibo per fido

Emottisi, sangue dai polmoni

Altro sintomo meno comune, ma che di certo deve far suonare il campanello d’allarme per un possibile contagio da coronavirus è l’emottisi, l’emissione di sangue dai polmoni. È un’emorragia dovuta alla rottura di vasi sanguigni presenti nei bronchi e negli alveoli. Il sangue può uscire dalla bocca con un colpo di tosse o anche senza alcuna causa occasionale. È un sintomo tipico di varie patologie, anche gravi, dell’apparato polmonare, ma può in certi casi presentarsi anche in seguito a Covid-19.

Chi rischia di più?

Le persone che hanno un rischio più alto di sviluppare una forma grave di malattia in seguito al contagio da coronavirus sono le persone anziane e i pazienti immunodepressi. Massima attenzione anche per le persone che soffrono di ipertensione, problemi cardiaci, diabete o di altre patologie croniche.

Ultime notizie

Toscana, zona gialla fino a quando: rischio arancione nel weekend?

Fino a quando i dati sui contagi saranno sotto controllo, la Toscana resterà in zona gialla: la conferma o meno del colore arriverà alle porte del weekend

Smart working 2021, fino a quando nella pubblica amministrazione e per i privati

Per i privati continua il lavoro agile "semplificato", prima del nuovo Dpcm è arrivata la proroga. Dal 2021 invece per la pubblica amministrazione arriva il Pola, ecco fino a quando dura lo smart working

Contagi di Covid in Toscana, i dati di oggi (20 gennaio): il bollettino

Su i casi positivi, ma aumentano anche tamponi e test rapidi. Buone notizie dagli ospedali. Tutti i dati dal bollettino della Regione sul Covid-19 (20 gennaio)

Che colore siamo oggi: zona e colori delle regioni d’Italia (20 gennaio)

Zona gialla, arancione o rossa: che colore siamo oggi nelle regioni d'Italia? La mappa e le regole per ogni colore