giovedì, 8 Dicembre 2022
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl seabin di Firenze: un...

Il seabin di Firenze: un “cestino anti-plastica” in Arno

E' uno spazzino galleggiante e permetterà di recuperare dal fiume mezza tonnellata di rifiuti l'anno. Il progetto è realizzato da Coop e LifeGate per la campagna "Le nostre acque"

-

- Pubblicità -

Si chiama “seabin” ed è un vero e proprio cestino dei rifiuti che cattura la plastica nel fiume Arno, prima che arrivi in mare: il dispositivo anti-inquinamento è stato installato a Firenze, proprio sotto Ponte Vecchio, nella sede storica della società canottieri grazie a un progetto di Coop e LifeGate, con la collaborazione – in questo caso – di Unicoop Firenze. Ogni anno lo “spazzino galleggiante” permetterà di raccogliere oltre 500 chili di plastica e di microplastiche, le più pericolose perché – per le dimensioni molto ridotte – possono entrare nella catena alimentare.

La città del giglio è la prima tappa della campagna “Le nostre acque” che porterà in 25 luoghi d’Italia altrettanti seabin di LifeGate: da Pescara a Genova, dal versante piemontese del Lago Maggiore a Castiglione della Pescaia in Maremma, e poi ancora Livorno, Brindisi, Milano, Trieste e Ravenna.

Come funziona il seabin installato a Firenze da LifeGate e Coop

- Pubblicità -

Il seabin è un dispositivo piuttosto semplice che galleggia a pelo d’acqua ed è capace di filtrare micropalstiche e microfibre fino a un diametro di 0,3 millimetri grazie a una pompa che spinge in questo cestino 25.000 litri d’acqua ogni ora. E’ attivo 7 giorni su 7 e 24 ore su 24: in media un sistema come questo riesce a intercettare mezza tonnellata di rifiuti ogni anno, con punte massime di 2 tonnellate. A svuotarlo saranno adesso i canottieri di Firenze, che poi divideranno i rifiuti nella raccolta differenziata.

Secondo l’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, nel Mediterraneo quasi 50.000 esemplari di pesci hanno ingerito plastica, mentre l’Arpat Toscana indica in 18.700 chili i rifiuti trasportati dall’Arno ogni 12 mesi.

- Pubblicità -

Seabin canottieri Firenze

L’impegno di Coop contro la plastica

Coop è l’unica azienda della grande distribuzione che aderisce alla “Pledging Campaign” lanciata dalla Commissione Europea: le azioni annunciate dall’insegna su riduzione, riciclo e riuso permetteranno nel 2025 di arrivare a risparmiare, 6.400 tonnellate annue di plastica vergine. Per avere un’idea, come il carico trasportato da circa  60 Tir, che tutti in fila formerebbero un chilometro di coda.

- Pubblicità -

In Toscana, Unicoop Firenze (coinvolgendo successivamente anche Unicoop Tirreno) ha già promosso un progetto pilota, a livello nazionale, contro l’inquinamento delle acque che è stato di stimolo anche a una legge salva mare: “Arcipelago pulito” ha permesso ai pescatori portare a riva le plastiche catturate con le loro reti nel Tirreno.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -