mercoledì, 2 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Il seabin di Firenze: un...

Il seabin di Firenze: un “cestino anti-plastica” in Arno

E' uno spazzino galleggiante e permetterà di recuperare dal fiume mezza tonnellata di rifiuti l'anno. Il progetto è realizzato da Coop e LifeGate per la campagna "Le nostre acque"

-

Si chiama “seabin” ed è un vero e proprio cestino dei rifiuti che cattura la plastica nel fiume Arno, prima che arrivi in mare: il dispositivo anti-inquinamento è stato installato a Firenze, proprio sotto Ponte Vecchio, nella sede storica della società canottieri grazie a un progetto di Coop e LifeGate, con la collaborazione – in questo caso – di Unicoop Firenze. Ogni anno lo “spazzino galleggiante” permetterà di raccogliere oltre 500 chili di plastica e di microplastiche, le più pericolose perché – per le dimensioni molto ridotte – possono entrare nella catena alimentare.

La città del giglio è la prima tappa della campagna “Le nostre acque” che porterà in 25 luoghi d’Italia altrettanti seabin di LifeGate: da Pescara a Genova, dal versante piemontese del Lago Maggiore a Castiglione della Pescaia in Maremma, e poi ancora Livorno, Brindisi, Milano, Trieste e Ravenna.

Come funziona il seabin installato a Firenze da LifeGate e Coop

Il seabin è un dispositivo piuttosto semplice che galleggia a pelo d’acqua ed è capace di filtrare micropalstiche e microfibre fino a un diametro di 0,3 millimetri grazie a una pompa che spinge in questo cestino 25.000 litri d’acqua ogni ora. E’ attivo 7 giorni su 7 e 24 ore su 24: in media un sistema come questo riesce a intercettare mezza tonnellata di rifiuti ogni anno, con punte massime di 2 tonnellate. A svuotarlo saranno adesso i canottieri di Firenze, che poi divideranno i rifiuti nella raccolta differenziata.

Secondo l’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, nel Mediterraneo quasi 50.000 esemplari di pesci hanno ingerito plastica, mentre l’Arpat Toscana indica in 18.700 chili i rifiuti trasportati dall’Arno ogni 12 mesi.

Seabin canottieri Firenze

L’impegno di Coop contro la plastica

Coop è l’unica azienda della grande distribuzione che aderisce alla “Pledging Campaign” lanciata dalla Commissione Europea: le azioni annunciate dall’insegna su riduzione, riciclo e riuso permetteranno nel 2025 di arrivare a risparmiare, 6.400 tonnellate annue di plastica vergine. Per avere un’idea, come il carico trasportato da circa  60 Tir, che tutti in fila formerebbero un chilometro di coda.

In Toscana, Unicoop Firenze (coinvolgendo successivamente anche Unicoop Tirreno) ha già promosso un progetto pilota, a livello nazionale, contro l’inquinamento delle acque che è stato di stimolo anche a una legge salva mare: “Arcipelago pulito” ha permesso ai pescatori portare a riva le plastiche catturate con le loro reti nel Tirreno.

Ultime notizie

Cashback, bonus di Natale 2020: come funziona, l’app IO e lo Spid

A dicembre un rimborso da 150 euro per chi fa shopping nei negozi fisici e paga con le carte elettroniche o con il cellulare: ecco come richiederlo e a cosa serve l'app

Il concerto di Antonio Artese, dal Museo Marino Marini al web

Il Museo Marino Marini e l'Istituto Italiano di cultura di Oslo insieme per il concerto del maestro Artese, ispirato alle opere dell'artista

Messa di Natale 2020 anticipata prima di mezzanotte: l’orario di inizio

La santa messa della vigilia fa i conti con il coprifuoco. La Cei: va celebrata, ma si può fare qualche ora prima

Spostamenti tra comuni, il nuovo Dpcm di Natale: stop dopo il 3 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza