giovedì, 1 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Sorprese tre giovani con ''flaconi''...

Sorprese tre giovani con ”flaconi” da scasso, due denunciate

Feramate dalla polizia tre giovani donne di etnia Rom che nascondevano alcuni strumenti per forzare le porte, le due maggiorenni sono state denunciate.

-

Una banda al femminile

IDENTIFICAZIONE. Tra sabato 12 e domenica 13 gennaio sono state sottoposte a fermo per identificazione 8 persone, molte delle quali con precedenti per reati contro il patrimonio. Nel primo pomeriggio di sabato la volante ha controllato tre ragazze di etnia Rom rintracciate in via Ponte alle Mosse. Alla vista della pattuglia, le giovani di 19, 25 e 13 anni, hanno subito cambiato direzione tentando di evitare il controllo.

LE DONNE. Quando le hanno fermate, gli agenti hanno trovato in possesso  delle due maggiorenni alcuni flaconi di detersivo appositamente ritagliati per forzare le porte chiuse senza mandate. Le due maggiorenni, entrambe già note alle forze dell’ordine per i loro precedenti in diverse città italiane, sono state denunciate per possesso di strumenti d’effrazione; la minori di 13 anni, incensurata, è stata invece affidata ad un centro sicuro del capoluogo toscano.

Ultime notizie

Test antigenico e tampone rapido Covid, come funzionano e come si fanno

Dopo porti e aeroporti è in arrivo anche a scuola, ma cos'è, come viene fatto e come funziona il test rapido antigenico per il Covid

Vaccino antinfluenzale 2020-2021 in Toscana: quando e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Concorso straordinario scuola 2020: il calendario delle prove, tutte le date

Quando si terranno i test per i docenti precari delle scuole medie e superiori

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze