martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Toscana, rallenta il commercio estero....

Toscana, rallenta il commercio estero. Male in Austria e Regno Unito

La Toscana si difende bene nel commercio estero rispetto ai dati nazionali, ma il bilancio del secondo semestre del 2012 è comunque in calo.

-

Ecco il bilancio del secondo semestre 2012 sul commercio estero della Toscana.

IL RALLENTAMENTO. Lo fa sapere Unioncamere Toscana: tra aprile e giugno 2012 rallentano decisamente le esportazioni della nostra regione, con una crescita del +7,6% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente – +5,1% al netto dei metalli preziosi – risultato comunque migliore rispetto al dato nazionale, che tra aprile e giugno si è fermato al +3%. Le aree di mercato più dinamiche sono quelle Extra-UE (+6%), mentre nei mercati dell’Unione Europea la crescita si ferma al +1%, come riflesso dell’andamento decisamente negativo della domanda di beni.

LA TOSCANA NEL MONDO. L’andamento delle esportazioni in Asia (+33,1%) fornisce il contributo alla crescita regionale più sostanzioso: la crescita delle vendite regionali in Medio Oriente (+70,4%) è determinata soprattutto dalla accelerazione nei flussi commerciali con gli Emirati Arab, mentre gli altri paesi asiatici vedono nel trimestre un ritmo di crescita del 16,5%, grazie al buon andamento di India (+49,9%), Giappone (+37,7%), Corea del Sud (21,4%), Hong Kong (10,8%). 

VENDITE NEGATIVE. Tra i paesi dell’Unione, andamenti particolarmente negativi si registrano per le vendite in Austria (-14%) e Regno Unito (-9,5%), mentre fra i paesi europei non appartenenti all’Unione si conseguono risultati positivi sul mercato russo (+11,5%) e su quello turco (+6,6%).

IN AMERICA SI VA GIÙ. Dopo la crescita registrata negli ultimi due trimestri, l’andamento delle esportazioni toscane dirette nel continente americano subisce, tra aprile e giugno 2012, una brusca frenata (-7,3%), dettata soprattutto dalla diminuzione delle esportazioni verso i paesi dell’America centro-meridionale, che passano in terreno pesantemente negativo (-19,5%.). 

I SETTORI FORTI. Rimangono in positivo le esportazioni di beni di consumo, con particolare riferimento alla componente dei beni durevoli (+23,4%), grazie ai contributi di oreficeria (+33,5%) e mobili (+3,4%); in forte rallentamento ma comunque in aumento le vendite di beni non durevoli (+4%), un andamento pressoché interamente determinato dagli incrementi dei settori cuoio-pelletteria (+8,3%).

LA REGIONE E LA NAZIONE. Le importazioni regionali rimangono, rispetto al -6,9% nazionale, ancora in positivo (+5,9%) solo grazie ai forti incrementi negli acquisti di prodotti energetici di base (-0,9% il dato al netto dell’import di petrolio greggio e gas naturale). Il picco negativo degli acquisti di prodotti intermedi (-10,7% al netto dei metalli preziosi) sottolinea che la produzione industriale è in ulteriore pesante arretramento per quasi tutti i settori manifatturieri.

LA PAROLA AL PRESIDENTE. Il presidente di Unioncamere Toscana ha commentato così questo bilancio: “Questi dati non ci sorprendono, vista la crisi dei consumi mondiali e il crollo della fiducia diffuso cui si assiste. Ponendosi nell’ottica del “bicchiere mezzo pieno”, i dati rivelano che ci sono diverse aree di mercato dove i nostri prodotti più innovativi e a maggiore valore aggiunto hanno ancora dinamiche diffusamente positive, e dove occorre concentrare il nostro impegno e le nostre forze”.

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale