mercoledì, 23 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Trasporto pubblico: in arrivo nuovi...

Trasporto pubblico: in arrivo nuovi bus

Boccata d'ossigeno per il trasporto pubblico toscano, messo a dura prova dai tagli. Sono in arrivo nuovi mezzi per quattro aziende.

-

Boccata d’ossigeno per il trasporto pubblico toscano, messo a dura prova dai tagli. Sono in arrivo nuovi mezzi, grazie alla ridistribuzione dei fondi residui da parte della Regione. Sono quattro le società che beneficeranno di questo ”bonus”. In particolare si tratta di Li-nea, Tiemme (Arezzo, Siena, Grosseto, Piombino), Cap (Prato) e Atl (Livorno). I fondi saranno destinati all’acquisto di nuovi mezzi.

SOLDI E BUS. Due i criteri utilizzati per l’assegnazione dei fondi residui: l’anzianità dei mezzi da sostituire e le percorrenze annue di servizio al pubblico in ambiti urbani critici da un punto di vista di inquinamento. Nel dettaglio a Tiemme vanno 153mila euro, alla Cap 159mila, a Atl 144mila e a Li-nea 90mila. Si tratta di cofinanziamenti nella misura massima del 75% che consentiranno l’acquisto di quattro nuovi mezzi.

LA DECISIONE. La riassegnazione dei fondi è stata approvata oggi dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore a trasporti e infrastrutture Luca Ceccobao.

Ultime notizie

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Pisa

Nardini e Mazzeo fanno il pieno di preferenze, in consiglio anche Meini: i candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Pisa

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Lucca

I candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Lucca: passano Puppa, Mercanti, Montemagni e Fantozzi

Fiera Scandicci 2020: più date in programma, gli eventi

Area espositiva più piccola, ma con maggiore tempo per visitarla. E poi stand tematici che cambiano di settimana in settimana. Le novità di Scandicci Fiera 2020 e gli appuntamenti

Paesi con divieto di ingresso in Italia: ecco quelli che non possono entrare

Solo i cittadini di certi paesi possono entrare in Italia senza restrizioni: per alcuni resta l'obbligo di quarantena, una quindicina i paesi bloccati