mercoledì, 8 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUn murale di 15 metri...

Un murale di 15 metri ispirato a Dante (pop)

I ragazzi che hanno partecipato ai workshop gratuiti a Bagno a Ripoli hanno realizzato un grande murale ispirato a Dante Alighieri sull'esterno della biblioteca di Bagno a Ripoli

-

È un murale di 15 metri ispirato al volto pop di Dante quello che ha realizzato il gruppo di giovani partecipanti al workshop di street art che si è concluso ieri a Bagno a Ripoli. “Dante il primo rapper della storia? Beh, da un certo punto di vista sì. È stato lui a scrivere i primi versi in rima”. Parola di Hola, la giovanissima docente di rap che ieri ha concluso il laboratorio insieme al collega Ypsilon, che invece ha coinvolto i suoi “studenti” nella realizzazione di un grande murale su una parete esterna della Biblioteca di Bagno a Ripoli, a conclusione del workshop dedicato al Sommo Poeta.

Il workshop di rap e street art su Dante, tra terzine in rima e un grande murale

Il doppio laboratorio gratuitoa cura di Coop 21, ha coinvolto una quindicina di ragazzi tra i 13 e i 25 anni che hanno dato sfogo alla loro passione per rime e bombolette. “La gran parte di loro – spiega Serena Agrati di Coop 21 – non avevamo mai fatto una rima o preso in mano una bomboletta per disegnare”. E se i giovani partecipanti del corso di rap, poeti 3.0, si sono cimentati nel fraseggio “rappando” sulle terzine dantesche, il lavoro degli street artist in erba rimarrà a futura memoria, per tutti coloro che d’ora in avanti visiteranno la Biblioteca di Bagno a Ripoli: un murale di 15 metri che vede un Dante stilizzato entrare nella “selva oscura” e incontrare i personaggi che popolano la Commedia.

Grazie al gruppo di ragazze e ragazzi che hanno partecipato con grande entusiasmo ai laboratori di Dante Pop, hanno accettato una sfida importante: rielaborate con un linguaggio contemporaneo la voce e i messaggi del poeta vissuto 700 anni fa – ha commentato il sindaco di Bagno a RipoliFrancesco Casini -. Uno degli obiettivi di Dante Pop è proprio quello avvicinare le nuove generazioni al padre della lingua italiana, e con il loro lavoro questi ragazzi lo hanno centrato”.

I laboratori di rap e street art e Dante 3.0

La metodologia utilizzata in entrambi i laboratori è stata di tipo attivo, per stimolare la partecipazione ed il confronto tra i partecipanti al fine di integrare le due attività previste e dare uniformità ai due elaborati. Il laboratorio condotto dallo street artist Ypsilon, è stato articolato in cinque incontri e ha offerto ai ragazzi e alle ragazze l’occasione per approfondire il movimento artistico dei murales partendo dalla sua storia per poi approcciare ai bozzetti su carta e al processo di preparazione di un murale, dal brainstorming alla preparazione fino alla realizzazione del lavoro su muro, bombolette alla mano. Il laboratorio di rap condotto da Hola era invece rivolto a ragazzi e ragazze che avevano voglia di avvicinarsi al mondo della scrittura poetica nelle sue sfaccettature moderne, a tempo di musica rap.

La mostra Dante pop e il programma di eventi collaterali

I due laboratori si sono svolti a margine della mostra antologica Dante Pop, in corso fino al 24 ottobre all’Oratorio di Santa Caterina (via del Carota, Ponte a Ema), che rilegge la figura del sommo poeta attraverso i linguaggi della contemporaneità, dal cinema, ai fumetti, dagli slogan delle pubblicità ai videogiochi. Dante Pop. Un percorso attraverso l’immaginario dantesco, a cura di Silvia Diacciati dell’ufficio cultura del Comune con Gabriele Danesi dell’ufficio innovazione, è organizzata dal Comune di Bagno a Ripoli in collaborazione con Fondazione Franco Fossati e Wow Spazio Fumetto, Archivio Storico Olivetti, CuCo Cultura Commestibile con il contributo di Fondazione CR Firenze, Regione Toscana, Publiacqua e Toscana Energia.

Ultime notizie