giovedì, 1 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Via del Parione, scritte cancellate...

Via del Parione, scritte cancellate in tempo record / FOTO

Erano state fatte nella notte, con un ''blitz'' in via del Parione, e poche ore dopo erano già sparite: stiamo parlando delle scritte apparse nei pressi del quartier generale dello Spazio liberato 400 colpi, dopo che nei giorni scorsi 5 anarchici erano stati arrestati. Tra le scritte che erano apparse, anche ''Osama vive'' e ''Renzi mostro di Firenze''.

-

Cancellate in tempo record.

BLITZ. Sono sparite le scritte che, nel corso della notte, erano apparse in via del Parione – nel centro di Firenze – dove c’era il ”quartier generale” del gruppo “Spazio liberato 400 colpi”, fatte in seguito all’indagine della digos su un nucleo di studenti anarchici accusati di numerosi danneggiamenti che, nei giorni scorse, aveva portato a 5 arresti e 78 denunce.

LE SCRITTE. Tra le scritte che eranno apparse sui muri della strada, anche ”Osama vive” e ”Renzi mostro di Firenze”.

{phocagallery view=category|categoryid=108|limitstart=0|limitcount=0}

Anarchici, blitz nella notte: ”Osama vive”Anarchici, sei denunce per aggressione Studenti anarchici: sostegno legale dai Cobas –  Nel covo degli studenti anarchici: mazze e spranghe per creare il caos / FOTO

Ultime notizie

Test antigenico e tampone rapido Covid, come funzionano e come si fanno

Dopo porti e aeroporti è in arrivo anche a scuola, ma cos'è, come viene fatto e come funziona il test rapido antigenico per il Covid

Vaccino antinfluenzale 2020-2021 in Toscana: quando e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Concorso straordinario scuola 2020: il calendario delle prove, tutte le date

Quando si terranno i test per i docenti precari delle scuole medie e superiori

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze