martedì, 22 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Visco ad Unifi: collettivo interrompe...

Visco ad Unifi: collettivo interrompe la lezione del governatore di Bankitalia

Nel corso della contestazione i giovani hanno diffuso volantini contro Bankitalia, la Bce e contro il Governo Monti. Erano una trentina i contestatori che sono entrati nell'aula interrompendo la lezio. C'è voluta circa mezz'ora prima che tornasse l'ordine e Visco potesse riprendere a parlare.

-

“Contro la crisi e l’austerità, fuori Bankitalia dall’università”.  Così un gruppo di studenti dei collettivi universitari ha accolto Ignazio Visco, governatore di Bankitalia, che oggi pomeriggio ha tenuto una lectio magistralis nell’aula magna dell’Università di Firenze.

Nel corso della contestazione i giovani hanno diffuso volantini contro Bankitalia, la Bce e contro il Governo Monti. Erano una trentina i contestatori che sono entrati nell’aula interrompendo la lezione. C’è voluta circa mezz’ora prima che tornasse l’ordine e Visco potesse riprendere a parlare.

Durante la contestazione è scattato anche un allarme antincendio che i tecnici hanno provveduto a disattivare per poter far proseguire il governatore di Bankitalia.

Ultime notizie

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Pisa

Nardini e Mazzeo fanno il pieno di preferenze, in consiglio anche Meini: i candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Pisa

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Lucca

I candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Lucca: passano Puppa, Mercanti, Montemagni e Fantozzi

Fiera Scandicci 2020: più date in programma, gli eventi

Area espositiva più piccola, ma con maggiore tempo per visitarla. E poi stand tematici che cambiano di settimana in settimana. Le novità di Scandicci Fiera 2020 e gli appuntamenti

Paesi con divieto di ingresso in Italia: ecco quelli che non possono entrare

Solo i cittadini di certi paesi possono entrare in Italia senza restrizioni: per alcuni resta l'obbligo di quarantena, una quindicina i paesi bloccati