tourisma firenze

Torna a Firenze, al palazzo dei Congressi, dal 22 al 24 febbraio, “tourismA”, l’evento dedicato alla comunicazione delle grandi scoperte archeologiche e alla promozione del patrimonio e del turismo culturale.

Il salone internazionale di archeologia e turismo culturale, giunto alla sua quinta edizione, è stato presentato ieri mattina, mercoledì 20 febbraio, durante una conferenza stampa a palazzo del Pegaso.

“In cinque anni è diventato un appuntamento imperdibile – ha commentato il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani – che coinvolge addetti ai lavori e appassionati, e che permette un confronto tra le realtà del settore. Anche la Regione è presente con uno stand per illustrare tutto quello che si fa nei siti archeologici del nostro territorio, tutte le novità, e devo dire che la Toscana si presenta in grande spolvero”.

Gli ospiti

Si parte dunque con un grande focus sull’arte con un “trio” d’eccezione: Eike Schmidt, direttore della galleria degli Uffizi, lo storico dell’arte Antonio Paolucci e il critico Philppe Daverio.

Padrino della manifestazione sarà Alberto Angela. L’appuntamento con lo storico sarà domenica 24 febbraio alle 15:50, in cui parlerà di “Cleopatra. La regina che sfidò Roma e conquistò l’eternità”.

Ma i nomi non finiscono qui, perché la kermesse ospiterà anche personaggi del calibro del presidente del Fai, l’archeologo Andrea Carandini, il soprintendente di Pompei Massimo Osanna, l’ex presidente del consiglio superiore dei Beni culturali Giuliano Volpe, l’archeologo e scrittore Valerio Massimo Manfredi, il critico d’arte Vittorio Sgarbi, il generale Fabrizio Parrulli, comandante dei Carabinieri tutela patrimonio culturale, la “turista per caso” Syusy Blady che per la sua brillante interpretazione de “La signora Matilde” riceverà il Premio speciale “Riccardo Francovich” per la divulgazione del Medioevo.

Tourisma 2019

Nella tomba di Tutankhamon “tridimensionale”

La grande attrattiva di questa edizione sarà “la Scoperta delle tomba di Tutankhamon” rivisitata in realtà virtuale con la “Macchina del tempo”. Un’esperienza immersiva in 3D nello scenario storico e ambientale ricostruito del celebre faraone-bambino. La scena nella quale ci si muove, indossato lo speciale visore per la realtà virtuale, si articola nelle tre stanze della tomba di Tutankhamon con i manufatti riprodotti con “maniacale” attenzione e fedeltà all’originale e la possibilità di osservarli a pochi centimetri, anche afferrandoli e rigirandoseli nelle mani.

Roma imperiale, Pompei e le catacombe

Spazio ai reportage delle missioni archeologiche italiane all’estero tra cui Albania, Giappone, Siria, Palestina e Iraq. Si parlerà delle nuove scoperte a Pompei, la sfida delle catacombe di Napoli, gli “Stati generali della gestione dei beni culturali dal Basso”, la grande Roma imperiale tra Agrippina e Adriano, la scienza della genetica contro l’ignoranza dei razzismi di ieri e di oggi, il Medioevo rivisto e corretto, i racconti di Rai Storia, il nostro patrimonio difeso con un’Arma speciale (quella dei Carabinieri), l’archeologia in (video)gioco con le ultime tecnologie del Cnr, il secondo Workshop del turismo culturale (per operatori del settore). E ancora, il mondo degli Etruschi e i Longobardi in Italia.

INFO: www.tourisma.it