Una lunga passeggiata tra i vigneti della campagna toscana, mentre il tiepido sole di fine estate punzecchia la pelle, la leggera brezza attraversa i capelli e un calice di squisito Sangiovese si appresta a deliziare il palato. Un sogno? No, una realtà grazie ai “wine tour” in cui i produttori incontrano il pubblico offrendo una vera e propria esperienza alla scoperta dei loro vini e della loro tradizione.

Ma in cosa consiste un wine tour? Si tratta principalmente di un soggiorno immersivo che ha come filo conduttore la scoperta del terroir e dei suoi vini. Può prevedere la visita di una o più cantine, ma non si limita semplicemente a una degustazione: l’esperienza inizia dalla terra, nelle vigne, in cui poter osservare la bellezza del grappolo che matura in attesa della vendemmia. La visita si sposta poi in cantina, dove si osservano i processi di vinificazione e invecchiamento. Un luogo particolare, in cui il frutto si trasforma in delizioso nettare. 

I TOUR E LE CANTINE

Sono moltissime le aziende vitivinicole dell’area fiorentina (e toscana) che offrono questo servizio. Nel Wine Resort Torre a Cona, Rignano sull’Arno, le degustazioni di vino e prodotti tipici vengono ospitate nell’antico granaio della fattoria, mentre le visite guidate dei giardini e delle cantine si effettuano solo su prenotazione.

Sulle colline di Santa Brigida si trova Castello del Trebbio, un luogo incantato in cui l’assaggio dei vini è accompagnato da un light lunch all’insegna dei sapori tipici. Nel Chianti è Dievole a offrire un’esperienza a tutto tondo alla scoperta del Sangiovese, mentre nel Valdarno, a Il Borro, si può anche visitare la Galleria Vini&Arte con bellissime opere a tema vino.

tour delle cantine - wine tour Toscana

WINE IN TOUR IN TOSCANA: MUSICA E DEGUSTAZIONI OLISTICHE

Con Opera In The Kitchen, nel verde di San Casciano in Val di Pesa, il vino incontra il buon cibo e i più bei brani dell’opera lirica eseguiti dal vivo. Per chi invece vuole provare le degustazioni in una nuova singolare formula, le “degustazioni olistiche” della Wine Lovers Academy mettono al centro il consumatore. Si tratta di un vero e proprio “gioco” in cui il vino viene descritto come una stagione, un paesaggio, un animale attraverso una scheda di degustazione strutturata come un gioco da tavolo. Un assaggio bendato in cui imparare a riconoscere il vino in base ai sensi e alle emozioni, senza perdersi nei tecnicismi.