Stranezze d’estate. Forse non sono soltanto i cittadini (causa negozi chiusi per ferie) a doversi ingegnare per trovare qualcosa da mangiare. In centro, lungo l’Arno, c’è un passerotto che sta diventando ”famoso” per la sua familiarità con gli esseri umani. E il loro cibo.

Vai all’articolo