martedì, 26 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Piazza Nencini? No, a Firenze...

Piazza Nencini? No, a Firenze sud c’è piazza del Bandino

Nasce l’idea di intitolarlo a Gastone Nencini, ma il nome di quello slargo è uno solo per tutti: piazza del Bandino. Adesso lo sarà anche nelle carte del Comune di Firenze

-

Era la metà del luglio scorso quando l’amministrazione comunale annunciò la volontà di intitolare una piazza a Gastone Nencini, uno dei più grandi ciclisti italiani di sempre. Tutto bene? Non proprio, perché per l’iniziativa, pur lodevole, la scelta era ricaduta proprio su quello slargo in fondo a viale Giannotti, a Firenze sud, noto a tutti come piazza del Bandino. Abbastanza per scatenare il malumore dei fiorentini che abitano nel quartiere.

“L’ufficio della toponomastica cercava una piazza da intitolare a Gastone Nencini. Il triangolo che divide viale Giannotti da via di Ripoli, proprio davanti a piazza Bartali, era sembrata la risposta giusta”, racconta Lorenzo Andreaggi, consigliere di maggioranza del Quartiere 3 di Firenze che per primo si è messo di traverso alla decisione. “Quando in consiglio di Quartiere ho appreso la notizia, non potevo crederci. Ho semplicemente dato voce alla gente di Gavinana e al loro malcontento: per tutti quella è la piazza del borgo del Bandino”.

Firenze avrà una piazza del Bandino e una “rotonda Nencini”

Parte anche una petizione online che raccoglie in breve 400 firme, ma il dietrofront è immediato. Com’è potuto accadere? Il fatto è che quel lembo di strada un nome ufficiale riconosciuto dalla toponomastica cittadina non ce l’ha mai avuto. Se chiedi per strada per tutti è piazza del Bandino, anche agli atti ufficiali risulta come un proseguimento di via di Ripoli. L’incidente è stato allora l’occasione per risolvere due problemi in uno.

Al campione Nencini è stato deciso di intitolare la rotonda in viale Europa, all’altezza di largo Guido Novello. E piazza del Bandino vedrà finalmente riconosciuto il suo nome. “Appena appresa la notizia – continua Andreaggi – ho subito pensato di fare un post sul gruppo Facebook “Sei di Gavinana se…” in cui dicevo apertamente che non ero d’accordo con questa decisione. Non c’è stato un solo commento contrario, tutti hanno immediatamente appoggiato la scelta di chiamare la piazza del Bandino. È stato un tam tam inarrestabile. La vicesindaca Cristina Giachi ha quindi subito virato e oggi piazza Bandino c’è”.

Le origini del nome

Ma quali sono le origini storiche della piazza del Bandino? Lorenzo Andreaggi racconta: “Bisogna risalire fino al 1100 – dice – quando un signorotto, Bandino di Bencivenni Baroncelli arrivò in questa zona che non solo non aveva ancora nome, ma non era nemmeno stata bonificata. Qui costruì la prima casa-torre. Bandino veniva dal monte del Baroncelli, sulle colline di Bagno a Ripoli, così il nome del Bandino deriva dal capostipite della famiglia. La casa-torre divenne nel tempo una vera e propria casa di campagna all’inizio nota come Villa il Paradiso, poi subentrarono i figli che cambiarono il nome in suo onore e fu così che divenne Villa del Bandino. Da quel momento tutto il luogo prese il nome dal fondatore del Borgo”.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: i dati delle ultime 24 ore per regione

I dati del 25 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?

Quante persone possono entrare in un negozio: come calcolare il numero massimo

Come calcolare il numero massimo di persone ammesse in un negozio: le regole anti-Covid del nuovo Dpcm, dal cartello a quanti clienti possono entrare per metro quadrato

Quando il cambio di colore delle regioni: ogni quanto vengono decisi i colori Covid

Permanenza più lunga in zona arancione e rossa: quando viene deciso il cambio di colore delle regioni italiane e quando cambiano effettivamente i colori, con l'entrata in vigore dell'ordinanza

Zona rosso scuro: cosa significa per chi vuole viaggiare in Europa e Italia

Nella "mappa" dell'Europa arriva una nuova zona, rosso scuro, con limitazioni per chi vuole viaggiare: cosa significa e cosa cambia nelle regioni italiane che finiranno in questa fascia di rischio