sabato, 11 Luglio 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Alessandro Nocentini alla Galleria Pananti

Alessandro Nocentini alla Galleria Pananti

nocentini pananti

-

Alessandro Nocentini è nato a Firenze nel 1949. Sin dalle prime opere, risalenti agli anni Settanta, l’artista cerca un confronto con la tradizione fiorentina del disegno dal vero, con animali e oggetti facenti parte del quotidiano, alle quali alterna opere astratte di grandi dimensioni. L’acquisizione di uno stile personale e maturo comincia a delinearsi a partire dagli anni Ottanta, e dalle sue opere emerge un approfondimento dello studio della luce; attraverso il dosaggio soffuso dei riverberi luminosi e la materia preziosa, il pittore raggiunge l’essenza più intima dell’oggetto; le rappresentazioni di fiori, pesci e le rive dei fiumi divengono immagini interiorizzate della realtà, nelle quali lo spettatore avverte una sorta di filtro personale: un’interpretazione lirica.
La mostra si compone di una ventina di opere di piccole e grandi dimensioni eseguite con acquerelli e tecniche miste su carta, che ripropongono i temi naturalistici a lui più cari.
La mostra si concluderà il 29 gennaio.
Orario: dal lunedì al sabato (esclusi festivi)

Ultime notizie

Guida 2020 ai locali estivi di Firenze, per drink e musica all’aperto

Sono meno, ma sono aperti: ecco i bar e gli spazi open air per trascorrere l'estate 2020 tra musica, buon cibo e divertimento (in sicurezza). Dal lungarno fino al centro passando dalla periferia

Stato di emergenza, arriva la proroga: cosa comporta

Ci sarà la (scontata) proroga dello stato di emergenza: quando finisce e cosa comporta? Ecco cosa prevede la legge

Treno gratis per chi ha 18 anni: in Toscana il “regalo” di agosto

Come funziona l'iniziativa per chi compie la maggiore età. Un mese di spostamenti gratis sui convogli regionali, ma attenzione, va richiesta una card

F1, GP Mugello: biglietti per il pubblico o Formula 1 a porte chiuse?

Per la prima volta il circus sbarca sul circuito toscano e festeggia le mille gare della Ferrari, la padrona di casa