mercoledì, 23 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Il nuovo museo Kienerk a...

Il nuovo museo Kienerk a Fauglia (PI)

Museo Kienerk a Fauglia (PI)

-

Giorgio Kienerk appartiene a quel gruppo di allievi dei macchiaioli (tra cui Plinio Nomellini, Oscar Ghiglia, Ulvi Liegi, Llewelyn Lloyd, Mario Puccini, Ludovico Tommasi) che cominciarono a farsi conoscere a Firenze intorno agli anni Novanta dell’Ottocento, poi chiamati postmacchiaioli,. Essi, pur senza mai rifiutare l’insegnamento dei maestri, si aprirono a nuove ricerche pittoriche, come il divisionismo, a tematiche complesse come il simbolismo, ad esperienze innovatrici come nel campo della réclame e del cartellonismo.

Kienerk arriva a Fauglia dopo una lunga carriera di scultore, pittore, grafico, e nella campagna di Poggio alla Farnia ritrova quell’interesse, quell’amore per il paesaggio che gli aveva insegnato il maestro Telemaco Signorini tanti anni prima, lavorando nei dintorni di Firenze. Per trent’anni Kienerk nei suoi dipinti faugliesi coglie le continue variazioni di luce e di colore sui motivi da lui amati: gli oleandri del giardino, i pagliai nell’aia del contadino, i campi di granturco e di erba medica, gli ulivi, i pini, la strada maestra bianca di polvere sotto il solleone.

Le opere donate coprono tutto il suo percorso, dalla produzione giovanile fino agli ultimi anni trascorsi a Fauglia offrendo così un ampio spaccato della ricca personalità creativa di Giorgio Kienerk. La nonna (1889) è esempio del suo fare verista ancora influenzato dalla lezione signoriniana; la bella scultura L’anguilla (1893) spicca per il vivo naturalismo e per l’intensità espressiva del ragazzo. Fondamentale il dipinto Alberi sul mare (1891) che registra la precoce appartenenza dell’artista alla sperimentazione divisionista, condivisa a Genova anche da Plinio Nomellini e da Angelo Torchi. La pennellata di Kienerk con gli anni si fa più fluida e mossa di efficace andamento impressionista, come nell’importante brano pittorico La lettrice (1897).

Testa ridente (1900), Sorriso (1900) e Puvis de Chavannes (1903 ca) sono esempi efficaci della sua singolare, personalissima cifra grafica. Sensibili le tangenze con l’Art Nouveau e con il simbolismo che si riscontrano non solo nella sua attività di disegnatore (Nudo femminile di fronte, 1907 e Nudo femminile da tergo, 1907), ma anche nella produzione pittorica (Bagnante, 1903, L’abito verde, 1903) e nella scultura (La panchina, 1907 ca., Lo scienziato, 1908-09, Ars, 1913).

Nel Museo sono conservati diversi paesaggi eseguiti in varie epoche (1887-1942 c.); particolarmente fornita è la galleria dei ritratti di parenti, di amici e di eminenti scienziati dell’Ateneo pavese (Camillo Golgi, 1907) rappresentati di profilo nei medaglioni in gesso. Altrettanto ricca è la galleria dei ritratti di famiglia, in particolare della figlia Vittoria che è la protagonista di veloci, genuine impressioni dal vero di solare freschezza, eseguite a Fauglia a partire dagli anni Venti.

Nato a Firenze nel 1869, Giorgio Kienerk è stato allievo dello scultore Adriano Cecioni e del pittore Telemaco Signorini, entrambi appartenenti al movimento artistico dei Macchiaioli. Negli anni Novanta, insieme ad altri giovani pittori toscani che verranno poi chiamati postmacchiaioli, (Plinio Nomellini, Oscar Ghiglia, Ulvi Liegi, Llewelyn Lloyd, Mario Puccini, Ludovico Tommasi ed altri, disapprovati da Giovanni Fattori e seguiti con interesse da Telemaco Signorini) Kienerk si volse verso nuovi orientamenti artistico-culturali di tendenza internazionale, come il divisionismo, il simbolismo e l’Art Nouveau; la naturale adesione a questo clima di rinnovamento introdusse l’artista nei circuiti espositivi europei.

Sul finire del Secolo e poi nel Novecento Kienerk ampliò i suoi interessi anche all’arte della grafica che proprio nel Nuovo Secolo prese il suo avvio ed ebbe larga e fortunata diffusione. Palesando la sua grande capacità inventiva, lavorò come illustratore per note riviste dell’epoca italiane e francesi (tra le altre“La Riviera ligure”, rivista de L’Olio Sasso che i Novaro di Oneglia trasformano in un mensile di cultura letteraria e artistica rendendo raffinata e moderna anche la pubblicità). Dal 1905, per trent’anni, ricoprì il ruolo di Direttore della Civica Scuola di Pittura di Pavia dedicandosi pienamente all’insegnamento, ma riuscendo a ricavare spazi che gli consentivano di non tralasciare la propria attività di artista. Kienerk finì la sua vita nel 1948 nella casa di Poggio alla Farnia a Fauglia.

Museo Kienerk

Via Chiostra I, n. 13 – Fauglia (Pi)

Ingresso: € 4,00 intero – € 2,00 ridotto

Apertura: martedì e giovedì 9.00-13.00 – sabato e domenica 9.30-12.30/16.00-19.00

Per informazioni e prenotazioni

Tel. 050 657311

www.comune.fauglia.pi.it/musei/museokienerk.php

Ultime notizie

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Pisa

Nardini e Mazzeo fanno il pieno di preferenze, in consiglio anche Meini: i candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Pisa

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Lucca

I candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Lucca: passano Puppa, Mercanti, Montemagni e Fantozzi

Fiera Scandicci 2020: più date in programma, gli eventi

Area espositiva più piccola, ma con maggiore tempo per visitarla. E poi stand tematici che cambiano di settimana in settimana. Le novità di Scandicci Fiera 2020 e gli appuntamenti

Paesi con divieto di ingresso in Italia: ecco quelli che non possono entrare

Solo i cittadini di certi paesi possono entrare in Italia senza restrizioni: per alcuni resta l'obbligo di quarantena, una quindicina i paesi bloccati