Ciao Sesto, benvenute a Ponte a Greve. Le tre colorate figure stilizzate e danzati di Keith Haring hanno lasciato il centro commerciale Coop.fi di Sesto Fiorentino per arrivare alla periferia di Firenze, al confine con Scandicci.

La statua I girotondi ha “traslocato” grazie a un trasporto eccezionale lungo 11 chilometri , organizzato nella notte tra il 5 e il novembre da Sesto fino al Centro*Ponte a Greve di Unicoop Firenze.  Poi il 7 novembre è stata salutata da 100 bambini della vicina suola Don Milani, con un grande girotondo.

Dopo essere stata ospitata nella rotonda di accesso al centro commerciale sestese nel 2003, in occasione dell’inaugurazione della struttura, adesso l’opera accoglie chi va a fare la spesa a Ponte a Greve. È stata acquistata da Unicoop Firenze 15 anni fa e prima di arrivare a Sesto è stata in mosta a Berlino e Roma.

Perché portare Keith Haring davanti a un centro commerciale

“Il rapporto privilegiato di Keith Haring con la Toscana e il suo credere nell'arte da usare e da diffondere – si spiega dalla cooperativa di consumatori – si sposano con la scelta di Unicoop Firenze di offrire ad un pubblico più vasto la visione dell’opera dell’artista americano. La cooperativa, infatti, mira ad allargare l’accesso alla cultura da parte di soci e clienti. In questo senso, imbattersi in un Keith Haring mentre si entra nel supermercato per andare a fare la spesa può essere un’importante occasione di avvicinarsi all’arte contemporanea”.