Ideata dalla Rai e organizzata dal Comune di Vinci con il contributo della Provincia di Firenze, l’evento rientra nel progetto “Le mostre impossibili” che nasce da una riflessione sulla riproducibilità dell’opera d’arte nella nostra epoca e dalla volontà di rendere accessibili a un pubblico vastissimo i capolavori che finora potevano essere ammirati solo sul posto o intravisti in riproduzioni di piccolo formato.

Dopo quelle dedicate a Caravaggio e a Raffaello, l’esposizione su Leonardo, in prima assoluta, troverà spazio nella Chiesa di Santa Croce, messa cortesemente a disposizione dalla Parrocchia di Vinci, dove ancora si conserva il fonte battesimale in cui Leonardo fu battezzato.

Tra le opere che potranno essere ammirate ricordiamo la Gioconda, la Vergine delle Rocce, la Dama con l’ermellino e l’Ultima Cena del refettorio milanese di Santa Maria delle Grazie.

Sarà inoltre presentato il documentario “Leonardo da Vinci: l’origine del genio” realizzato da Rai International, che verrà proiettato in italiano e in inglese per tutta la durata della mostra.