martedì, 27 Settembre 2022
HomeSezioniArte & CulturaAl Museo Galileo arriva un...

Al Museo Galileo arriva un nuovo telescopio per un maggio spaziale

Un nuovo acquisto per il Museo Galileo per un maggio pieno di sorprese, dal telescopio di La Bas alla rassegna Orbite Musicali. Ecco le date dell'evento

-

Pubblicità

Il Museo Galileo di Firenze accoglie nella sua collezione il telescopio riflettore gregoriano di Philippe Claude Le Bas, uno dei primi del suo genere. Questo strumento si aggiunge alla ricca collezione di strumenti che raccontano oltre 3 secoli di storia. Inoltre, durante il mese di maggio il Museo Galileo propone la rassegna “Orbite Musicali” un progetto che unisce scienza, arte e musica.

Il nuovo telescopio del Museo Galileo di Firenze e le esposizioni

Il telescopio riflettore di Le Bas apparteneva all’antiquario milanese Michele Subert ed è stato acquistato dal Ministero della Cultura. In seguito è stato affidato sal Museo Galileo dalla Direzione regionale musei della Toscana che raccoglie ben 46 musei del territorio. Oltre all’incredibile importanza storica dell’oggetto è notevole il suo stato di conservazione. Infatti il telescopio risulta ancora funzionante e tutte le sue parti originali sono integre. Resterà esposto nella sala d’accoglienza dei visitatori prima di essere collocato in una delle sale espositive. Inoltre, sempre durante il mese di maggio al Museo Galileo sarà possibile ammirare due strumenti unici: la cosiddetta “Tromba parlante” del 1670 appartenuta alla collezione Medicea e il fonografo di Thomas Edison con la dedica originale a Egisto Paolo Fabbri.

Pubblicità

Museo Galileo Telescopio LeBas

La rassegna “Orbite Musicali”

Le novità del mese di maggio al museo Galileo non finiscono qua. Infatti, in aggiunta all’esposizione del telescopio di Le Bas, il Museo propone la rassegna “Orbite Musicali”: quattro composizioni uniche in prima esecuzione assoluta che interpretano il moto delle comete attraverso gli strumenti musicali. Progetti come questo sottolineano l’importanza di usare l’arte in tutte le sue forme, soprattutto in tempi bui come quello passato. La serie di concerti avrà luogo all’interno del Museo Galileo, nei giorni di domenica 8, 15,22 e 29 maggio sempre alle ore 11:00. Le quattro composizioni interpretano il moto delle comete e dei quattro satelliti di Giove, il dialogo tra un astronomo e un satellite e alcune ricerche di Leonardo da Vinci.

Pubblicità

Le esecuzioni saranno introdotte da 4 appuntamenti curati da Natacha Fabbri.
 Il primo, “Dialoghi cosmici” si rifà alla concezione dell’uomo sul, nel e del cosmo, riprendendo opere come Sognum di Victor Hugo o i Cosmonauti di Italo Calvino. Il secondo incontro sarà “Stelle danzanti”, un concetto nato all’interno della tradizione greca e ripreso in seguito da Galileo Galilei nelle lettere Cupernicane. In “Da Firenze alle stelle” si analizzerà il parallelismo tra la polis e il cosmo fino ad arrivare all’ultimo appuntamento “Macchine Sonore”.

Il ciclo di concerti fa parte della manifestazione Amico Museo 2022 promossa dalla Regione Toscana, la partecipazione è gratuita per i possessori del biglietto d’ingresso al Museo Galileo di Firenze. Per maggiori informazioni chiamare il numero 055 265311 oppure visitare il sito web del Museo Galileo.

Pubblicità

Ultime notizie