mercoledì, 25 Novembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Palazzo Vecchio, mostra degli arazzi...

Palazzo Vecchio, mostra degli arazzi nella Sala dei Duecento

A Firenze una mostra ''a rotazione'': ogni 6 mesi sarà esposta una parte diversa della preziosa serie di 20 arazzi medicei. ''Il ritorno di Giuseppe, principe dei sogni'' è visitabile su prenotazione

-

Finalmente rientrano a casa, nel luogo per cui sono stati realizzati e pensati, per una mostra che durerà tre anni con 5 diverse “tappe”. A Firenze, nel salone dei Duecento di Palazzo Vecchio, tornano i 20 arazzi con le “Storie di Giuseppe”, voluti dal duca Cosimo I de’ Medici e tessuti tra il 1545 e il 1553 su disegno di tre dei maggiori artisti dell’epoca, Agnolo Bronzino, Jacopo Pontormo e Francesco Salviati.

“Storie di Giuseppe”, i primi 4

I preziosi manufatti saranno esposti a rotazione, 4 alla volta ogni 6 mesi, fino al 29 agosto 2021, seguendo l’ordine narrativo delle scene. In origine gli arazzi erano esposti solo per feste e cerimonie importanti o in base ai cicli stagionali.

La prima parte della mostra “Storie di Giuseppe, il principe dei sogni” andrà avanti fino a domenica 25 agosto 2019. I primi 4 arazzi esposti sono: Il sogno dei manipoli; Giuseppe racconta il sogno del sole, della luna e delle stelle; Vendita di Giuseppe; Lamento di Giacobbe.

Gli arazzi, finora divisi tra Firenze e Roma

L’evento nasce grazie a un accordo tra il Segretariato generale della presidenza della Repubblica, il Ministero dei beni e delle attività culturali e il Comune di Firenze. I preziosi arazzi infatti sono rimasti per un secolo e mezzo divisi tra Firenze e Roma: ai tempi in cui la città gigliata era capitale d’Italia questa serie fu divisa e dieci dei venti arazzi entrarono a fare parte prima del patrimonio reale e poi finirono nel Palazzo del Quirinale a Roma. Gli altri dieci rimasero a Firenze.

Dopo la mostra organizzata nel salone dei Duecento per Expo 2015 che li ha visti per la prima volta insieme, gli arazzi tornano adesso di nuovo nella loro casa originaria anche grazie a un progetto che ha permesso di dividere le due “anime” della sala dei Duecento:  sede del Consiglio comunale e luogo di opere d’arte.

FOTO Enrico Ramerini / CGE Fotogiornalismo

Qui è stato infatti installato un complesso sistema di climatizzazione che garantisce la conservazione degli antichi tessuti e un impianto che consente di nascondere o mostrare gli arazzi a seconda delle esigenze.

Come visitare la mostra degli arazzi di Palazzo Vecchio

Per i prossimi 3 anni il Salone dei Duecento entra a far parte del percorso museale di Palazzo Vecchio. Questa mostra è visitabile solo su prenotazione, 5 giorni alla settimana il martedì, mercoledì, venerdì, sabato, domenica, sempre con orario dalle 10 alle 18 (massimo 25 persone ogni 30 minuti). Dal 16 marzo sono previste anche visite guidate con prenotazione, tutti i sabato alle ore 16.30.

arazzi

Per vedere l’esposizione il biglietto costa 3 euro, mentre per la visita guidata vanno aggiunti 2.50 euro (residenti nella Città metropolitana di Firenze) o 5 euro (non residenti Città Metropolitana). Per informazioni e prenotazioni: [email protected], tel. 055 2768224 –055 2768558.

Ultime notizie

Babbo Natale passa anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid Toscana 24 novembre: contagi sotto quota 1.000. I dati del bollettino

Giù nuovi contagi, ricoverati e persone attualmente positive. Resta alto il numero dei morti. I principali del del bollettino Covid della Regione Toscana, aggiornato al 24 novembre 2020

Dove si può viaggiare nonostante il Covid

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare e le regole in vigore fino al 3 dicembre