D’Angelis è da tempo impegnato nella documentazione di ciò che accadde in quei giorni, attraverso la sua attività di giornalista e presidente della Commissione Territorio e Ambiente del Consiglio Regionale, ma anche promotore del Raduno internazionale degli Angeli del Fango del 4 novembre 2006 e autore del libro “Angeli del Fango. La meglio gioventù nella Firenze dell’alluvione”.

Il film avrà uno scopo puramente documentaristico e non commerciale: gli autori infatti lavoreranno a titolo interamente gratuito. La Mediateca Toscana e la Rai lanciano quindi un appello a tutti per la raccolta di materiale utile per le riprese che dovranno essere consegnati presso la Mediateca Regionale Toscana Film Commission in via San Gallo 25 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 17. Per informazioni è possibile contattare lo 055.2719035.

“Sarà un’opera collettiva – spiega D’Angelis – ed è per questo che facciamo appello a chiunque abbia a disposizione immagini della tragedia dell’alluvione del 1966 a collaborare con noi nel racconto di quella che è stata anche una straordinaria operazione di volontariato e di passione civile mai vista in Italia. Il film-documento chiarirà anche tutti gli aspetti relativi ai mancati allarmi e ai ritardi dei soccorsi statali, mettendo in mostra quanto di positivo è stato realizzato nel bacino dell’Arno negli ultimi anni e il molto che resta ancora da fare”.

“Il docu-film – spiega Ugo di Tullio, presidente della Mediateca Toscana – rientra nel lungo lavoro di Mediateca a sostegno della memoria e delle iniziative per ricordare gli Angeli del fango che ha già prodotto diversi materiali. In tanti daranno il loro contributo all’opera”.