Bus elettrici Firenze
FOTO Enrico Ramerini / CGE Fotogiornalismo

Zero emissioni per il trasporto pubblico. Per la prima volta in Italia, a Firenze vengono sperimentati autobus 100% elettrici. Fino al 3 aprile è possibile salire a bordo e provare gratuitamente i bus da 12 metri Aptis, realizzati da Alstom.

Le corse gratis

I nuovi mezzi saranno in servizio lunedì sulla linea Ataf 1, martedì sul 6, mercoledì sul 14, giovedì sul 17, venerdì sul 20, sabato sul 23 e infine domenica sulla linea 32. Si tratta di una vera e propria prova sul campo che toccherà dopo Firenze altre 6 città italiane. I passeggeri potranno esprimere il loro gradimento sull’esperienza di viaggio votando a bordo e sui social media con i loro selfie e messaggi per Aptis #iosonoaptis all’account Twitter: @Aptis_Alstom

Dalla presentazione del prototipo di Aptis nel marzo 2017,4 veicoli di prova hanno già percorso più di 40mila chilometri in condizioni operative reali, nelle principali città d’Europa, tra Spagna, Francia, Belgio, Olanda e Germania.

Aptis Firenze bus elettrici prova
FOTO Enrico Ramerini / CGE Fotogiornalismo

Com’è fatto il nuovo bus elettrico Aptis

Aptis  ha un pavimento ribassato lungo 12 metri e grandi porte doppie, che permettono un accesso facilitato per sedie a rotelle e carrozzine. Altro “segno particolare” i finestrini panoramici, più grandi di un quinto rispetto a quelli dei bus tradizionali.

“Siamo felici che Alstom abbia scelto di partire dalla nostra città, che si sta confermando un modello a livello nazionale per il trasporto pubblico locale – ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella -. Le nostre politiche ambientali e di mobilità sono ispirate alla sostenibilità ambientale e siamo convinti che l’elettrico sia una delle principali sfide da giocare per il futuro”.

Bus elettrici gratis Firenze
FOTO Enrico Ramerini / CGE Fotogiornalismo

Ad oggi, ha spiegato il primo cittadino, l’azienda per il trasporto pubblico fiorentino presenta la flotta più giovane e più ‘verde’ d’Italia, “siamo l’unica città italiana che è pienamente inserita negli standard europei per quanto riguarda la modernità degli autobus e il basso impatto ambientale”.